Scheda n. 12140

Tipo record

Scheda inferiore

Tipo documento

Musica manoscritta

Data

Data certa ponte, 1686-1689

Titolo

Il Catone Uticense / Cantata a Voce sola / Con quattro Violini, / e due Violette / di / D. Lorenzo Minei.

Presentazione

Partitura

Legami a persone

compositore: Minei, Lorenzo (XVII sec.)

Pubblicazione

[S.l. : copia, 1689 circa]

Descrizione fisica

P. 203-300 (olim c. 102r-150v) ; 210x280 mm

Filigrana

Non rilevata

Note

A p. 204: «Sinfonia»; a p. 216: «Segue.»; alle p. 227, 232, 268: «Ritt.º»; a p. 230: «Ar.»; alle p. 234, 252, 277: «Segue l'Aria.»; a p. 267: «Ritt.º subbito.»; a p. 295: «Voltate presto.».

Titolo uniforme

Io, depresso in battaglia. Cantata, Il Catone Uticense

Organico

Soprano, 4 violini, 2 viole e continuo

Repertori bibliografici

Bibliografia

Eitner 1903: VII, p. 3
Schmidl 1938: p. 540
Wolffheim 1929: II, p. 245

Descrizione analitica

1.1: Grave-Stretto-Grave-Allegro(sinfonia, fa maggiore, 3/2)
2.1: Adagio(recitativo-arioso, c-3/2)
Io, depresso in battaglia
3.1: (aria, si♭ maggiore, c)
No che non voglio vivere
4.1: (recitativo, c)
Vieni, oh morte, su, vieni
5.1: Presto(aria, fa maggiore, c)
Scaglia il brando, impiaga, uccidi
6.1: (recitativo, c)
Guerrieri, ohimè, guerrieri
7.1: Adagio(aria, do minore, c)
Io vi lascio, addio, ché moro
8.1: (recitativo-arioso, c)
Dunque io deggio morir, io che più volte
9.1: (aria, sol minore, 3/8)
Non curo l'ardire
10.1: (recitativo, c)
Vanne, ardisci; ma no, fermati, oh core
11.1: Presto-Adagio-Presto(aria, re minore, c)
Ch'io, per man del mio rivale
12.1: (recitativo-arioso, c-3/2)
Ecco, impugno lo strale
13.1: Presto(aria, si♭ maggiore, 3/8)
Aprimi il petto, uccidi
14.1: (recitativo, c)
E acciò veloce
14.2: Adagio assai(aria cavata, fa maggiore, 3/2)
Cesare, hai vinto, ecco Caton che more

Trascrizione del testo poetico

Io, depresso in battaglia,
Io, sospeso agl'allori,
Vile esempio d'eroi viver più deggio?
Mori, oh mio cor, ché se tu vivi è peggio.
Ove siete, oh fortezze,
Ove siete, oh valori,
Glorie mie dove andaste,
Ove arditi pensier l'ali abbassaste?
Alma mia, tu che pensi?
Scaglia il brando crudele,
Immergilo nel sen pria che spietato
Cesare, il tuo nemico,
Vibri il ferro letale.
Mori pria di morir, pria che t'assale.
Catone, ohimè, Catone,
Fulmine di battaglia,
Turbine di Bellona,
Vero o[g]getto d'eroi, vivo tormento
Come lasso pur vivi?
Chiudi, afflitto Catone, i dì festivi.

No che non voglio vivere,
Uccidimi, oh dolor,
Ch'io torni a sopravvivere
Non è contento il cor.

Vieni, oh morte, su, vieni,
Avventami nel sen tua falce ardita;
Sei per altri crudel, per me gradita.

Scaglia il brando, impiaga, uccidi,
Su, mia destra, e che si fa?
Pur ch'il reo di me non ridi,
Sei pietosa all'empietà.

Guerrieri, ohimè, guerrieri,
Roma invitta, Pompeo, patria, consorte,
D'Utica il duce ecco a morir se 'n corre.
Voi, se pietosi al core,
Le mie pene ascoltate, il mio tormento,
Sovra altare odoroso,
All'anima che parte
Apprestate le pire, i morti agnelli,
Serbino i miei trionfi i chiusi avelli.

Io vi lascio, addio, ché moro,
Care mie schiere feroci,
Lagrimate al mio martoro,
Date al ciel le meste voci.

Dunque io deggio morir, io che più volte,
Quasi al primo ferire,
D'allori martïal cinsi le tempie?
Chiudi i labri malnati,
Glorïoso mio cor; no, che non voglio,
Pria che ceda in battaglia,
Di cipressi adornare il mio valore.
Solo invitto è quel cor che pugna e more.

Non curo l'ardire,
Non prezzo il rigor,
Avvezzo a ferire
Son tigre al valor.

Vanne, ardisci; ma no, fermati, oh core,
Dove corri, che tenti?
Temerario tu sei quando che solo,
Tra mille schiere e mille,
Spingi i strali omicidi.
Vincerai se crudel te stesso uccidi.

Ch'io, per man del mio rivale,
Cada esangue è vanità.
Morte ria, dispiega l'ale,
Vieni, oh Dio! su, per pietà.

Ecco, impugno lo strale,
Spingo il braccio a ferire.
Oh Dio! ma ferma,
Ferma, oh core, che tenti?
Pria che morto al morir, moro ai tormenti.

Aprimi il petto, uccidi,
Squarciami, oh strale, il cor.
Ad onta di mia sorte,
Felice io corro a morte,
Esempio di valor.

E acciò veloce
Spieghi i voli più arditi
L'anima al suo partir, le mie ferite
Apro al seno più fiere.
Vanne, ardito mio core,
Cesare, hai vinto, ecco Caton che more.

Paese

Italia

Lingua

Italiano

Segnatura

D-Dl - Dresden - Sächsische Landesbibliothek - Staats-, und Universitätsbibliothek
collocazione Mus.2056-J-1 .3

Scheda a cura di Giovanni Tribuzio
Ultima modifica: