Record num. 12141

Bibliographic level

Constituent unit

Type of record

Handwritten music

Date

Monograph issued in more than one year, 1686-1689

Title

Capriccio Poetico / Cantata à Voce sola / Con quattro Violini, / e due Violette / di / D. Lorenzo Minei.

Music format

Full score

Linked names

composer: Minei, Lorenzo (XVII sec.)

Publication

[S.l. : copia, 1689 circa]

Physical description

P. 301-456 (olim c. 151r-228v) ; 210x280 mm

Watermark

Not recorded

Notes

Nella cantata vi sono riferimenti alla Guerra austro-turca combattuta da Leopoldo I d'Asburgo e Mehmed IV (1683-1699): «Depressa Luna» per indicare le sconfitte dell'Impero Ottomano. Due ariette e un'aria hanno i versi in castigliano (9.1), napoletano (13.1) e latino (15.1); un recitativo è in eco (16.1).

A p. 302: «Sinfonia»; a p. 317: «Senza Cembalo.»; a p. 329: «Ar.» e «Con Cembalo.»; alle p. 373, 393, 409, 426: «Segue l'Aria.»; a p. 374: «Ar.» e «Senza Cembalo.»; p. 389: «Voltate per il Ritt.º subbito.»; p. 390: «Ritt.º»; a p. 406: «Ritt.º subbito», a p. 455: «Fine».

 

Uniform title

Tacete, olà! tacete. Cantata, Capriccio poetico

Scoring

2 soprani, 4 violini, 2 viole e continuo

Bibliographic repertories

Bibliography

Eitner 1903: VII, p. 3
Schmidl 1938: p. 540
Wolffheim 1929: II, p. 245

Analytical description

1.1: Grave-Stretto assai-Grave-Allegro(sinfonia, re maggiore, c-3/8)
2.1: Adagio assai(aria, re maggiore, c)
Tacete, olà! tacete
3.1: Adagio(aria, re maggiore, c)
Dolce sonno, batti l'ali
4.1: Stretto(recitativo-arioso, c)
E qual animo molle
5.1: (aria, la maggiore, 3/2)
Sì, sì che pugnarò
6.1: (recitativo, c)
Ah, cor empio e crudele
7.1: Adagio assai(aria, la maggiore, c)
Ombre, larve, idee di morte
8.1: (recitativo, c)
Oh, che orrori di Stige!
9.1: Stretto(arietta, re minore, c)
¿Ruiseñores, que cantáis
10.1: (recitativo, c)
(con Eco), E pure non risponde
11.1: Adagio(aria, sol minore, 3/4)
Silentio, oh sospiri, non più
12.1: (recitativo, c)
Intanto qui m'assido
13.1: (arietta, fa maggiore, 3/4)
Cecca mia, no mme dare
14.1: (recitativo, c)
Sventure, non sentite
15.1: (aria, si♭ maggiore, 3/2)
Prope litus qualis unda
16.1: Adagio-Presto(recitativo-arioso, c)
Via, su, pausa a' lamenti
17.1: Allegro(aria, re maggiore, 3/4)
Trilla pure, soave speranza
18.1: Stretto(recitativo-arioso, c)
Così dicea Fileno

Poetical text transcription

Tacete, olà! tacete
Venti in aria sospesi, e al sonno mio
Sol concilii i fantasmi il suon del rio.

Dolce sonno, batti l'ali
E 'l riposo affretta a darmi,
Sol coll'ombra al sen disgombra
Quant'il cor può tormentarmi.

E qual animo molle
In otio vile i suoi letarghi chiama,
Or che guerriera fama
Sulla depressa Luna il vanto estolle?
Ah no, sfrondo dal crine
L'edera sonnacchiosa
E con eroici ardori
La chioma intreccio al tremolar d'allori.

Sì, sì che pugnarò,
Su, su, all'armi, su, su, al campo!
Al fragor di ferreo turbine,
Col tuonar di spade e fulmini,
Non ho cor che ceda al lampo.

Ah, cor empio e crudele,
Da qual lupa bevesti
Più che Romolo il latte?
E potrai guerreggiar s'Amor ti vinse?
E se più non sei tuo, altro non vanti
Ch'alle esequie del cor formar i pianti.

Ombre, larve, idee di morte,
Siate meco a lagrimar;
Sono spettro del contento,
Son figura di spavento
Perché volsi un giorno amar.

Oh, che orrori di Stige!
Mutiam registro e qui dove se 'n fugge,
Fatto specchio del sole i[n] mar al Tago,
E dove parla il vento in bocca a' fiori,
Con dolce accento ibero
Parli, vassalla musa, il mio pensiero.

¿Ruiseñores, que cantáis
Entre [h]ojas y entre flores,
Por qué dulzes [i.e. dulces] no lloráis
Si oístes mis dolores?

E pure non risponde,
Voce pietosa, all'alma che vien meno.
(Eco:) No!
E senz'alcun'aita, disperato,
Sperar [i.e. spirar] dovrò così.
(Eco:) Sì!
Sì che morrò, ma pria vorrei sapere
Se lo permette Amore.
(Eco:) Amore!
Barbaro Amor, e chi sei tu che accresci
Il mio penar entro solingo speco?
(Eco:) Eco!
Taci, insensato, e senti
Ch'io non parlo al parlar de' tronchi accenti.

Silentio, oh sospiri, non più;
Silentio, non più, ch'è fierezza.
Antri opachi, mute valli,
Se saper di me volete,
Deh, l' chiedete a' due rai ch'ha la bellezza.

Intanto qui m'assido
E, sotto l'ombra opaca
Di quest'olmo frondoso,
Così chiamo i sospiri ad un riposo.

Cecca mia, no mme dare,
Ca mmo crepo cchiù desguste.
Tu mme pare fosteciello,
Doce cchiù de sosamiello,
Taratufolo verace,
'Na 'nzalata de spenace,
Cannolicchio de la voglia,
Cchiù lleccarda de no nnoglia,
Ssì copeta de li guste.

Sventure, non sentite,
Sorti, non compatite?
Dunque cangio favella e al mio destino,
Oratore roman, parlo latino.

Prope litus qualis unda
Spondet aequora dolori;
Turbo ruit, qui sibilantem
Austrum vocat et amantem
Procellatum dat Amori.

Via, su, pausa a' lamenti
E sulle falze [i.e. false] corde
Del cromatico core,
Con bemolli impensati,
Con diesis non sognati,
Muti chiav'il penare
Ch'in binario di gioia vo' sol cantare.

Trilla pure, soave speranza,
Vieni a darmi contenti nel cor.
Sulla tripla del diletto,
Il contralto dell'affetto,
Di delitie sia il tenor.

Così dicea Fileno,
E per sfogo ai martirii
Che teneva nel cor barbari e fieri,
Dato a' capricci suoi, tacque a' pensieri.

Country

Italy

Language

Italian

Shelfmark

D-Dl - Dresden - Sächsische Landesbibliothek - Staats-, und Universitätsbibliothek
shelfmark Mus.2056-J-1 .4

Record by Giovanni Tribuzio
Last modified: