Record details

back   new search  

Record number 828

Bibliographic levelMonograph
Document typeHandwritten music
DateSingle known date, 1792
ComposerAsioli, Bonifazio (1769-1832)
LyricistMetastasio, Pietro (1698-1782)
TitleLa Tempesta | Cantata | Del Sig.r Bonifazio Asioli
Musical presentationFull score
Publication[S.l. : copia, 1792]
Physical description13 c. ; 285x220 mm. Watermark: not registered.
NotesIl manoscritto è stato acquistato dal Convento nel 1979
Uniform titleNo non turbarti o Nice io non ritorno. Cantata, La Tempesta
Medium of performance1V,1str: S,pf
Bibliographic repertoriesBrunelli 1965: II, 711-713
Pollastri 2006: p. 22
BibliographyBarbetti 2007/08
Analytical description1.1: Allegro presto (Recitativo, c/2)
S: No non turbarti o Nice io non ritorno
2.1: (Aria, mi bem. maggiore, 3/4)
S: Ma tu tremi o mio Tesoro
3.1: (Recitativo)
S: Siedi sicura sei nel sen di questa
4.1: Andante con moto (Aria, fa maggiore, 3/4)
S: E pur fra le tempeste
Poetical text transcriptionNo non turbarti o Nice io non ritorno
A parlarti d’amor so che ti spiace
Basta così.Vedi che il ciel minaccia
Improvvisa tempesta alle capanne
Se vuoi ridurre il gregge io vengo solo
Ad offrir l’opra mia. che non paventi
Osserva che a momenti
Tutto s’oscura il ciel che il vento in giro
La polve innalza e le cadute foglie
Al fremer della selva al volo incerto
Degli augelli smarriti a queste rare,
Che ci cadon sul volto umide stille
Nice io preveggo ah non tel dissi, o Nice
Ecco il lampo ecco il tuono or che farai
Vieni senti ove vai non è più tempo
Di pensar alla greggia in questo speco
Riparati frattanto io sarò teco.

Ma tu tremi o mio Tesoro
Ma tu palpiti cuor mio
Non temer con te son io.
Né d’amor ti parlerò.
Mentre folgori e baleni
Sarò teco amata Nice
Quando il ciel si rassereni
Nice ingrata io partirò.

Siedi sicura sei nel sen di questa
Concava rupe infin ad or giammai
Fulmine non percosse
Lampo non penetrò l’adombra intorno
Folta Selva d’allori
Che prescrive del ciel limiti all’ira
Siedi bell’idol mio, siedi e respira.
Ma tu pure al mio fianco
Timorosa ti stringi e come io voglio
fuggir da te, per trattenermi annodi
Fra le tue la mia man rovini il Cielo
Non dubitar non partirò bramai
Sempre un sì dolce istante ah così fosse
Frutto dell’amor tuo non del timore
Ah lascia o Nice ah lascia
Lusingarmene almen chi sa mi amasti
Sempre forse finor fu il tuo rigore
Modestia e non disprezzo e forse questo
Eccessivo spavento
È pretesto all’amor parla che dici
M’appongo al ver tu non rispondi abbassi
Vergognosa lo sguardo
Arrossisci sorridi intendo intendo
Non parlar mia speranza
Quel riso quel rossor dice abbastanza.

E pur fra le tempeste
La calma ritrovai
Ah non ritorni mai
Mai più sereno il dì.
Questo de giorni miei
È il più chiaro giorno
Viver così vorrei
Vorrei morir così.
 Document image 
 Document image 
CountryItaly
LanguageItalian
ShelfmarkI-Bsf - Bologna - Convento di S. Francesco
Collection Nuovo - FN.A.IV.2

   Record by Raffaella Barbetti