Record details

back   new search  

Record number 7508

Bibliographic levelConstituent unit
Document typeHandwritten music
DateUncertain date, 1680-1690
ComposerCesti, Antonio [Pietro] (1623-1669)
LyricistCicognini, Giacinto Andrea (1606-1651)
LyricistApolloni, Giovanni Filippo (ca. 1635-1688)
Title[I]ntorno all’idol mio / [Antonio Cesti]
Musical presentationFull score
Publication[s.l. : copia, 1680-1690]
Physical descriptionP. 28-35 [olim c. 15v-19]. Watermark: Quadrupede inscritto in un cerchio (Rilevata alle c. 15-18).
NotesCopista A. Per l’attribuzione ad A. Cesti e a G.A. Cicognini cfr. Bibliografia. G.F. Apolloni è il revisore del testo per musica. Aria di Orontea tratta da Orontea (II,17) (Innsbruck, Sala, 19 febbraio 1656).
Uniform titleOrontea. Intorno all'idol mio. Scena
Medium of performance1V,1str: S,bc
Bibliographic repertoriesBrumana 2007: P. 74
Brumana 2005: P. 177
BibliographyBrumana 2007: P. 59-60, 62-66, 73-74, 79, 82, 85-86
Brumana 2005: P. 163, 166-170, 177, 181-182, 185-186
Analytical description1.1: (Aria strofica, mi minore, 3/2; S,bc)
[I]ntorno all'idol mio
1.2: (Aria strofica, mi minore, 3/2; S,bc)
Al mio ben che riposa
2.1: (Recitativo, c)
Ohimé, non son più mia
3.1: (Aria, sol minore, 3/2; S,bc)
Dormi, dormi, ben mio
Is part ofComposizioni vocali da camera (record n. 7403)
Poetical text transcription[I]ntorno a l’idol mio
Spirate pur spirate,
Aure soavi e grate
E nelle guance elette
Baciatelo per me cortesi aurette.

Al mio ben che riposa
Su l’ali de la quiete
Grati sogni assistete,
E il mio racchiuso ardore
Svelateli per me larve d’amore.

Ohimè, non son più mia,
Se mi sprezza Alidoro
Sarà la vita mia preda di morte.
Questo diadema d’oro
Ch’io ti poso sul crine,
Questo scettro real nacque per te,
Tu sei l’anima mia, tu sei mio re.
Oh Dio, chi vide mai
Più bella maestà? Più bel regnante?
Divino è quel sembiante,
Innamorano il ciel quei chiusi rai
Più bella maestà chi vide mai?
Ma nel mio cor sepolto
Non vo’ tener lo stral che mi ferì.
Una regina amante
Non vuol penar, non vuol morir così.
Leggi leggi, o mio caro
In negre note i miei sinceri amori
In brevi accenti immensità d’ardori.

Dormi, dormi ben mio
Per te veglia Oronthea,
Mia vita, mia vita a Dio.
 Document image 
 Document image 
CountryItaly
LanguageItalian
ShelfmarkI-PEu - Perugia - Università degli Studi di Perugia, Biblioteca "Fondo Antico Sala del Dottorato"
Cass. 23 (3)

   Record by Alice Sbrilli