Record details

back   new search  

Record number 2510

Bibliographic levelConstituent unit
Document typeHandwritten music
DateUncertain date, 1641-1660
ComposerCesti, Antonio [Pietro] (1623-1669)
TitleDel s.r Abbate Cesti
Musical presentationFull score
Publication
Physical descriptioncc. 155r-166v ; 105x230mm. Watermark: not registered.
NotesManca il letterone "Q". La cartulazione originale è 151r-162v.
Uniform titleQuanto sete per me pigri o momenti. Cantata
Medium of performanceV,bc: S,bc
Bibliographic repertoriesBurrows 1977: p. 142
SBN: MSM0153538 external link
Bibliography
Analytical description1.1: (Refrain, do minore, 3/2; S,bc)
Quanto sete per me pigri o momenti
2.1: (Recitativo, mi bem. maggiore, c; S,bc)
Tempo tu che ti vanti
3.1: (Intercalare, do minore, 3/2; S,bc)
Quanto sete per me pigri o momenti
4.1: (Recitativo, sol maggiore, c; S,bc)
Vetri che numerate
5.1: (Refrain, do minore, 3/2; S,bc)
Quanto sete per me pigri o momenti
6.1: (Arioso, do minore, 3/2;c;3/2; S,bc)
Rapido e labile
7.1: (Recitativo, fa maggiore, c;3/2; S,bc)
Misero ma che parlo
Is part ofCanzoni di diversi autori (b) (record n. 2514)
Poetical text transcriptionQuanto sete per me pigri o momenti
Un secolo di pene
Ogn’hora mi rassembra
Ch’io sto lungi al mio bene e voi tardate
Perch’io compri aspettando
A conto di minuti i miei contenti
Quanto sete per me pigri pigri o momenti.

Tempo tu che ti vanti
Fuggir senza ritorno
E de’ propri tuoi parti esser tiranno
Perché non togli un anno
Di pene a me con far più breve un giorno
Perché non copri i rai
Col tuo bel manto di notte che fai
Vuol forse il Re dell’hore
Per dar piena vittoria al mio dolore
Fermar il plaustro e ritrovar portenti
Quanto sete per me pigri o momenti.

Vetri che numerate
Con atomi cadenti i giri al sole
Ruote che numerate
Con sonoro compasso il corso all’hore
Globbi che distinguete
Or con acque or con ombre
L’etadi al giorno e le vicende al Cielo
Quale otioso velo
Così vi tien sospesi
Che non vediate resi
Immortali ed eterni
Della nostra tardanza i miei tormenti
Quanto sete per me pigri o momenti.

Rapido e labile
Il sol dileguasi
Inreparabile
Fugge l’età.
Solo a mio danno
Le sfere posano
L’hore si fermano
Non c’è pietà.
O sciagure o portento o strane forme
Per destarmi agli affanni il tempo dorme.

Misero ma che parlo
La notte ancor non veggio
E tra l’ombre del dì lasso vaneggio
Deh quietati mio core
Non t’adirar con l’hore
Che il piacer degl’amanti
A un tratto si disperde
E chi scongiura il tempo il tempo perde.
Web resources Scheda e immagini in Internet Culturale
CountryItaly
LanguageItalian
ShelfmarkI-Nc - Napoli - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "San Pietro a Majella"
33.4.13(b) (19)

   Record by Giacomo Sances