Record details

back   new search  

Record number 1695

Bibliographic levelConstituent unit
Document typeHandwritten music
DateUncertain date, 1630-1660
ComposerCesti, Antonio [Pietro] (1623-1669)
TitleVenti turbini procelle / A 3 / Sig:r Cesti
Musical presentationFull score
Publication[S.l. : , 1630-1660]
Physical descriptionC. 88v-106. Watermark: not registered.
Uniform titleVenti turbini procelle. Cantata
Medium of performance3V,1str: S,A,B,bc
Bibliographic repertoriesSBN: MSM0018403 external link
Bibliography
Analytical description1.1: (Aria-refrain, la minore, c; B,bc)
Venti turbini procelle
%F-4@c 4-,2A,,4A/8-&'6C,BA'C,BA?8.xG6xF4E/&6AFGA?&DFED?8.E6E,,4A/
2.1: (Aria, mi minore, c)
B: Su con orrido furore
3.1: (Aria, mi minore, 3/2)
B: Non pavento né dell'onde
4.1: (Aria, c; B,bc)
Tutti s’armino di sdegno
5.1: (Aria, 3/2; B,bc)
Naufragante più che mai sarò costante
6.1: (Aria, c; B,bc)
Su fremete
7.1: (Aria-refrain, c; B,bc)
Venti turbini procelli
8.1: (Recitativo, c; S,bc)
Così prendea coraggio
9.1: (Aria, re minore, c-3; A,bc)
Tu che naufrago t’aggiri
10.1: (Arioso, c-3/2)
E con petto magnanimo et invitto
11.1: (Terzet, la minore, 3/2; S,A,B,bc)
Tra scogli d’affanni
Is part ofComposizioni vocali da camera (record n. 1397)
Poetical text transcriptionVenti turbini procelle
Miei nemici giurati
Su venite tutti armati
Combattetemi pur nel mar rubelle
Sarà di me quel che vorran le stelle.

Su con orrido furore
Risvegliato Austro crudele
Ammantando il ciel d’orrore
Muova guerra alle mie vele.

Non pavento
Né dell’onde
Né del vento
Che se dal fato
E’ destinato
Che la mia nave
Ritorni grave
Con merce d’oro
Ogni naufragio mio sarà un tesoro.

Tutti s’armino di sdegno
Quanti mostri in seno asconde
Il profondo umido regno
Per sommergermi nell’onde.

Naufragante
Più che mai sarò sarò costante
Che se dal fato
E’ destinato
Che la mia nave
Ritorni grave
Con merce d’oro
Ogni naufragio mio sarà un tesoro.

Su fremete
Oltraggiate il curvo abete
Con percosse ogn’hor novelle.

Venti turbini procelle
Miei nemici giurati
Su venite tutti armati
Combattetemi pur nel mar rubelle
Sarà di me quel che vorran le stelle.

[S]
Così prendea coraggio
Tra gl’influssi del mar nocchiero ardito
E fatto all’or spedito
Dalla furia de venti il suo viaggio
Trasse gloria e vantaggio
Dall’ingiurie del pelago fremente
E con fato clemente
Nel punto che parea nell’onde assorto
Dalla tempesta fu gettato al porto.

[A]
Tu che naufrago t’aggiri
Con merce di virtù nel mar di corte
Combattuto dalla sorte
Perché pavido sospiri.
Se rabbiosa invidia freme
Su la prora di tua speme
Se fiere tempeste
Di lingue moleste
Fanno guerra al tuo pensiero
Volgi l’occhio al tuo nocchiero.

E con petto magnanimo et invitto
Dà tuoi naufragi ancor spera profitto.

A 3
Tra scogli d’affanni
Tra sirti d’inganni
Non perder l’ardire
Che s’a gioire
T’haveranno eletto gli astri
Saranno tue venture anco i disastri.
 Document image 
CountryItaly
LanguageItalian
ShelfmarkI-Rsc - Roma - Biblioteca del Conservatorio "S. Cecilia"
Collection I-Rsc - G.Mss. 390(10)

   Record by Elisabetta Fardelli