Record details

back   new search  

Record number 1496

Bibliographic levelConstituent unit
Document typeHandwritten music
DateUncertain date, 1780-1820
ComposerPorpora, Nicola (1686-1768)
LyricistMetastasio, Pietro (1698-1782)
DedicateeFrederick Louis of Hanover (principe di Galles)
TitleCantata 11a
Musical presentationFull score
Publication[S.l. : copia, 1780-1820]
Physical descriptionc. 60v-65r. Watermark: not registered.
Uniform titleOh Dio che non è vero. Cantata
Medium of performance1V,1str: A,bc
Bibliographic repertoriesSutton 1974: n. 73, pp. 210-211
Bibliography
Analytical description1.1: (Recitativo, c; A,bc)
Oh Dio, che non è vero: ogni gran piaga
2.1: Lento (Aria, 3/8; A,bc)
Quella ferita
3.1: (Recitativo, c; A,bc)
Passano i fiumi e i rivi
4.1: Allegro (Aria, 3/8; A,bc)
Se mi prestasse i vanni
Is part ofCantate da camera (record n. 1405)
Poetical text transcriptionOh dio, che non è vero: ogni gran piaga
Lontananza non sana!
Di qual pena ella sia
Lo sa più dell’altrui l’anima mia.

Quella ferita
Ch’io porto in seno
Non già vien meno
Ma la mia vita
Mancando va.
Se non m’aita
Qualche speranza,
La lontananza
M’ucciderà.

Passano i fiumi e i rivi
Dal monte al piano e dalla selva al prato
E di riposo privi
Scorrono querelandosi tra i sassi,
Né mai fermano i passi
Se pria con l’onde lor torbide o chiare
Non arrivano a perdersi ne mare.
Così quest’alma amante
Senza pace vivrà la notte e ’l giorno
Finché non fa ritorno
All’amato suo nume
Fatta simile al rio, simile al fiume.

Se mi prestasse i vanni
il pargoletto dio
subito all’idol mio
volar vorrei.
Allor prio d’affanni
respirerebbe il core
e allor l’ali ad Amore
io renderei.
 Document image 
 Document image 
CountryItaly
LanguageItalian
ShelfmarkI-Mc - Milano - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "Giuseppe Verdi"
Collection Noseda - M.36.3.11

   Record by Stefano Aresi