Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 974

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1710-1740
CompositoreScarlatti, Alessandro (1660-1725)
PossessoreSigismondo, Giuseppe (1739-1826)
TitoloCantata a Voce Sola / del Sig.re Alessa.dro Scarlatti
PresentazionePartitura
Pubblicazione[Napoli : copia, 1710-1740]
Descrizione fisica1 partitura (c. 15r-20v). Filigrana: non rilevata.
Note generaliLa cantata apparteneva alla collezione di Giuseppe Sigismondo, acquisita dalla biblioteca alla sua morte.
Titolo uniformeCruda Irene superba. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiSBN: IT\ICCU\MSM\0081480
URFM
Hanley: 133
RISM A II: 850009123
BibliografiaCafiero-Sigismondo: cantata compresa nel manoscritto identificato con il n. 496.
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c; S,bc)
bc: Cruda Irene superba
%F-4@c 4-''8C'F4nA8AnB/4BB8-B''D'nB/
2.1: Adagio (Aria, fa maggiore, c; S,bc)
Ingrata quanto sei
3.1: (Recitativo, c; S,bc)
Si che ingrata e crudele
4.1: Andante (Aria, sol minore, c; S,bc)
Se tu vuoi ch'il duol m'uccide
Fa parte diCantate (scheda n. 952)
Trascrizione del testo poeticoCruda Irene superba E come mai
Ver te Se fido ognor porto il mio piede
Del mio povero cor poni in oblio
E l'amore e la fede
Ah ch'alfin ti comprendo e so ben io
Purtroppo a costo di tormenti e pene
Che dal dì che t'amai sempre spietata
Ver me tu fosti ed or m'uccidi ingrata.

Ingrata quanto sei
Tanto son io fedel
Che fecero gli dei
Me fido e te infedel.

Sì che ingrata e spergiura
Tanto tu sei quanto son io più fido
Riedon sempre l'aurora il sole il giorno
Cinzia le stelle il cielo ove han soggiorno
Rimirando pietosi il pianto mio
L'aure vezzose il rio
Il monte il pian la selva
Ogni pianta ogni fiore ed ogni belva
Sente pietà dell'amor mio schernito
Tu sola ahi quanto cruda
Del mio sì acerbo duolo
Per un momento solo
Nemmen la rimembranza accogli in petto
E pur io t'amo e pur t'adoro ancora
Benché tu m'odii e brami ancor ch'io mora.

Se tu vuoi ch'il duol m'uccida
Dì che infida
Sempre fosti E ancora sei
E al pensier che mi tormenta
Deh rammenta
Che per altri Irene è fida
Né più dirmi
Che sei il sol degli occhi miei.
 Document image 
Risorse di rete Immagini su Internet Culturale
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Nc - Napoli - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "San Pietro a Majella"
34.5.4 (= Cantate 255)(3)

   Scheda a cura di Antonio Caroccia