Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 8155

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1690-1710
CompositoreBononcini, Giovanni (1670-1747)
CopistaLanciani, bottega
TitoloDel Sig:r Bononcini [Amo ma poco io spero]
PresentazionePartitura
Pubblicazione[Roma : copia della bottega Lanciani, 1690-1710]
Descrizione fisicaP. 201-221. Filigrana: non rilevata.
Titolo uniformeAmo ma poco io spero. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiRISM A II: 703002720
Lindgren: p. 163
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Aria, re maggiore, c)
Amo ma poco io spero
2.1: Largo (Aria, si minore, c)
Per havere un sol contento
3.1: (Recitativo e aria, si minore, c)
Per avere un guardo solo
4.1: (Recitativo, re maggiore, c)
Amor che far degg'io
5.1: Andante (Aria, re maggiore, c)
Che legge crudele
6.1: (Recitativo e aria, si minore, c)

Fa parte diCantate da camera (scheda n. 8143)
Trascrizione del testo poeticoAmo ma poco io spero
Dal rigor di colei
Che dà pace e dà guerra ai desir miei
E che fa la mia vita un sol pensiero
Piango e mi dolgo e intanto
Poco giova il dolore e nulla il pianto.

Per havere un sol contento
Troppo a me soffrir conviene
La mia gioia è un sol momento
Ma son secoli le pene.

Per avere un guardo solo
Mille morti io soffro ogn’ora
E rimedio a tanto duolo
Mi tormenta e non ristora.

Amor che far degg'io
Se l'istesso conforto è mio cordoglio?
Soffri tu mi rispondi io così voglio.

Che legge crudele
Amare penare
Ma senza pietà.
E' ver che la piaga
E' vaga al mio core
Ma tanto rigore
La morte mi dà.
Che fiero destino
Servire soffrire
Ma senza mercè
E' vero che io godo
Di un nodo sì grato
Ma troppo spietato
E' amore con me.
 Document image © Bruxelles - Conservatoire Royal, Bibliothèque
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneB-Bc - Bruxelles - Conservatoire Royal, Bibliothèque
15325 (12)

   Scheda a cura di Biancamaria De Santis