Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 8098

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1690-1695
CompositoreMancini, Francesco (1672–1737)
CopistaAntelli, Giovanni (seconda metà XVII sec.)
TitoloDel Sig.r Mancini
PresentazionePartitura
PubblicazioneRoma : Copia di Giovanni Antelli, [1690-1695]
Descrizione fisicaC. 205-219 (olim c. 101r-108r). Filigrana: non rilevata.
Titolo uniformeFra i taciturni horrori d'erma foresta. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiRISM A II: 703002695
Wright-Mancini: n. 85
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, sol minore, c)
Fra i taciturni horrori d'erma foresta
2.1: Aria allegra-Largo (Aria, si bem. maggiore, c)
Accompagna il volo errante
3.1: (Recitativo, mi bem. maggiore, c)
Per Filli oh Dio per Filli
4.1: (Aria, si bem. maggiore, 3/8)
Se brami il tuo piede
Fa parte di21 Cantate (scheda n. 8036)
Trascrizione del testo poeticoFra taciturni horror d’erma foresta
Ove nube frondosa
Invola al dì la luce al sole i rai
Per narrar de suoi lai
L’altra cagione ai tronchi all’aure ai sassi
L’innamorato e ‘l pin drizzava i passi
Vago usignolo intanto
Spiegò da un faggio il volo e sciolse il canto
E le meste pupille
D’humori all’hor feconde in alto affisse
Sospirò lagrimò poi così disse.

Accompagna il volo errante
Augellin con tuoi concenti
Hor che scherzi in libertà.
Ma d’udir fra queste piante
L’egro suon de miei lamenti
Non t’incresca per pietà.

Per Filli oh Dio per Filli
Bersaglio è questo cor di mille piaghe
Le sue pupille vaghe
Son l’arciere fatali
Che m’avventano i strali
Hor se in te dal mio mal pietà si desta
Vanne trova il mio ben digli ch’io moro
Ma no fermati pur messo canoro
Che se giungi a mirar quel bel sembiante
Diverrai prigioniero e forse amante.

Se brami il tuo piede
Da lacci disciolto
Da qui non partir no.
Di Filli la sede
L’aspetto ed il volto
Impara a fuggir.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneB-Bc - Bruxelles - Conservatoire Royal, Bibliothèque
15323(16)

   Scheda a cura di Manuela dell’Olio