Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 8037

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1690-1695
CompositoreMancini, Francesco (1672–1737)
CopistaAntelli, Giovanni (seconda metà XVII sec.)
TitoloDel Sig.r Mancini
PresentazionePartitura
PubblicazioneRoma : Copia di Giovanni Antelli, [1690-1695]
Descrizione fisicaC. 1-12 (olim c. 1r-6v). Filigrana: non rilevata.
Titolo uniformeDi costante pensier matura legge. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiRISM A II: 703002680
Wright-Mancini: n. 57
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, do maggiore, c)
Di costante pensier matura legge
2.1: (Aria, la minore, c3/8)
Sento ben ch'intorno al core
3.1: (Recitativo, mi minore, c)
Mi ricordo ch'un tempo
4.1: (Aria, do maggiore, c)
Mi rendo amor la face
Fa parte di21 Cantate (scheda n. 8036)
Trascrizione del testo poeticoDi costante pensier matura legge
Scritta m’havea nel core
Per non seguir più amore
Ma volgendo le luci
A due luci d’un sole
Ad un sol che più splende
Nel ciel de la beltà
Mi scordai del passato
Ed il presente sol languir mi fa.
Parvero a me di ferro
L’antiche mie catene
Hoggi mi sembran d’oro
Abborrivo le pene hoggi l’adoro.

Sento ben ch’intorno al core
Nuovi dardi va scoccando
Quel crudel che mi piagò.
E mi par che sospirando
Con un crin che mi legò
Io già persi col pensiero
Il potere a dir di no.

Mi ricordo ch’un tempo
Spesse volte giurai ma che giurai?
Giurai di non amar quando odiai
Hor ch’amore m’induce
A rimirare oh Dio tanta vaghezza
Delitto è non amar simil bellezza.

Mi rendo amor la face
Prendi ma dal mio ben.
Bello e caro e piace
Mi torni amor nel sen.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneB-Bc - Bruxelles - Conservatoire Royal, Bibliothèque
15323(1)

   Scheda a cura di Manuela dell’Olio