Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 7456

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoTesto per musica a stampa
DataData certa, 1727
Autore del testo per musicaRolli, Paolo Antonio (1687-1775)
TitoloCANTATA XVII.
PubblicazioneLondra : presso Tommaso Edlin, 1727
Descrizione fisicaP. 100-101. Filigrana: non rilevata.
Note generaliCantata intonata, tra gli altri, da Georg Friedrich Händel (HWV 164b)
Titolo uniformeSon gelsomino son picciol fiore. Cantata,
Repertori bibliografici
Bibliografia
Fa parte diDi Canzonette e di Cantate. Libri II (scheda n. 7415)
Trascrizione del testo poeticoSON Gelsomino, son picciol Fiore,
Ma son le Ninfe sempre amorose,
Più che del Giglio. Del mio Candor:
An le mie Foglie sì grato odore;
Che più soave non an le Rose,
Benchè Regine degli altri Fior.

Tremolante e leggiero
Fra strette verdi e ben disposte foglie
Bel vedermi ornamento a un vago crine,
E lievemente ver la guancia inflesso;
Dare e prender bellezza a un tempo istesso.
Quando uno stuol di Fiori
Meco abbellisce una brillante Testa
O fa d’un colmo Sen margine all’onda;
Fassi di me più stima,
E la candida man di chi s’adorna
Mi pon come in trionfo, a gli altri in cima.

Spesso mi sento dir
Da vezzosetta Bocca,
Sei bello grato amabile
O caro Gelsomin:
E spesso in un sospir
Che passa e che mi tocca,
Godo sentir che invidiano
Gli Amanti ‘l mio Destin.
 Document image 
PaeseGran Bretagna
LinguaItaliano
LocalizzazioneNL-DHk - Den Haag - Koninklijke Bibliotheek, Nationale Bibliotheek van Nederland
KW 756 B 3 (41)

   Scheda a cura di Giacomo Sciommeri