Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 7167

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData certa, 1831
CompositoreBononcini, Giovanni (1670-1747)
PossessorePisani, Pietro (1761-1837; Barone)
TitoloSe ferir mi sapesti
PresentazionePartitura
Pubblicazione[S.l. : copia], 1831
Descrizione fisicaP. 235-242. Filigrana: non presente.
Note generaliA p. 235 in alto è indicato il nome "Bononcini" (vedi immagine).
Titolo uniformeSe ferir mi sapesti. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiMaccavino-Pisani: p. 40
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo-arioso, c; S,bc)
S: Se ferir mi sapesti
%C-1$xFC@c 4-!'8A!f''4C8C8D/4E8E'8A{''8.D6C'6B''6C6D6E}/
2.1: (Aria, la maggiore, c; S,bc)
S: Una stilla di pietà
3.1: (Recitativo, c; S,bc)
S: Voi per l'ultim'aita occhi sol voglio
4.1: All[egr]o (Aria, la maggiore, c; S,bc)
S: Contro di me si sfoghino
Fa parte di25 cantate e 1 serenata (scheda n. 6642)
Trascrizione del testo poeticoSe ferir mi sapesti
Con dardi de' tuoi sguardi
E nel sen mi facesti
Ben mille piaghe e mille,
Bella torn'a mirarmi,
Ch'essendo gl'occhi tuoi l'aste d'Achille
Con esso poi sanarmi.

Una stilla di pietà
Questo povero mio cor
Sempre mai cercando va
Da colei che lo ferì.
Ma con empia crudeltà
Fatta sorda al mio dolor
Mai non spero ch'ella un dì
Possa darmi per sanarmi
Solo il balsamo d'un sì.

Voi per l'ultim'aita occhi sol voglio
Deh, non abbandonate chi sospira
Pentito il proprio orgoglio
Ma se del Ciel l'ira vendicatrice
Le lagrime dolenti
A sodisfar non vogliano.

Contro di me si sfoghino
E l'odio et il furor,
Contro di me prevagliano
Del Ciel sdegno e rigor.
 Document image Incipit della cantata
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-PLcon - Palermo - Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini, Biblioteca
Fondo Pisani - Arm. I Pis. 2(21)

   Scheda a cura di Irene Scalia