Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 7116

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData certa, 1831
CompositoreBononcini, Giovanni (1670-1747)
PossessorePisani, Pietro (1761-1837; Barone)
TitoloCelinda anima mia
PresentazionePartitura
Pubblicazione[S.l. : copia], 1831
Descrizione fisicaP. 41-49. Filigrana: non presente.
Note generaliA p. 41 in alto è riportato il nome "Bononcini"; segni di cancellatura sul primo pentagramma; a p. 49 è presente - oltre al consueto timbro riquadrato ad inchiostro nero R. COLLEGIO DI MUSICA presente su tutte le carte ad eccezione di p. 331 - un piccolo timbro rotondo con inscritta la parola BIBLIOTECA e lungo il contorno del cerchio una stella e la dicitura CONSERVATORIO DI MUSICA "V. BELLINI" - PALERMO ad inchiostro marrone scuro (il timbro si ritrova anche alle pp. 13, 17, 53, 65, 77, 330) (vedi immagini).
Titolo uniformeCelinda anima mia. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiMaccavino-Pisani: p. 31
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c; S,bc)
S: Celinda anima mia
%C-1$xFC@c 4-8-''8E!8C!ff6E6C/!'8A!f8-8A!''8C!f8D8E/!'8B!f6-!6B!f''6C'2A/
2.1: (Aria, la maggiore, c; S,bc)
S: Talor spargo un sospiro
3.1: (Recitativo, c; S,bc)
S: Con fallace lusinga
4.1: (Aria, la maggiore, 12/8; S,bc)
S: E' ingegno d'amante
Fa parte di25 cantate e 1 serenata (scheda n. 6642)
Trascrizione del testo poeticoCelinda anima mia
E l'un e l'altra face degl'occhi tuoi
Solo mi strugge il core
E celando l'ardore
Della viva sua fiamma e soffre e tace.
Palesar non voglio
L'intenso foco mio che serbo in petto
Et ad occultar l'affetto
Che mi destano in sen le tue pupille
Fingendo vo' di lagrimar per mille.

Talor spargo un sospiro
Ma tu ben sai per chi.
Più d'una intanto miro
Creder che sia per sé
Io rido allor perché
So che non è così.

Con fallace lusinga
A nasconder il vero
Mi consiglia il pensiero
E vuol ch'io finga
Onde ora questa e quella
Per mia diletta io chieggio
Lo vagheggio e le dò nome di bella
Ma con verace affanno
Te sola adoro e tutte l'altre inganno.

E' ingegno d'amante
Deriderne tante
E pianger per una.
Scoprir non conviene
Quel vago sembiante
Che gioie che pene
Nel petto m'aduna.
 Document image Incipit della cantata
 Document image p. 49
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-PLcon - Palermo - Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini, Biblioteca
Fondo Pisani - Arm. I Pis. 2(4)

   Scheda a cura di Irene Scalia