Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 6885

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1700-1732
CompositoreMancini, Francesco (1672–1737)
TitoloCantata / del Sig.r Francesco Mancini
PresentazionePartitura
PubblicazioneCopia, [1700-1732]
Descrizione fisicaC. 193r-199r. Filigrana: Quadrupede non meglio identificato in campo cerchiato.
Note generaliL'ultimo verso del secondo Recitativo non è stato ricopiato interamente, pertanto il verso si ricava dall'omonima cantata I-Nc 22.1.4(2)(04)
Titolo uniformeO se potessi amar senza temere. Cantata, 1V,1str, A,bc
Repertori bibliograficiSBN: IT\ICCU\MSM\0082600
Wright-Mancini: p. 375, n. 128
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Refrain, re minore, c)
O si potessi amar
2.1: (Recitativo, sol minore, c)
Tutto lieto saria
3.1: (Refrain, re minore, c)
O si potessi amar
4.1: A tempo giusto (Aria, sol minore, c)
Quanto bella è Clori mia
5.1: (Recitativo, do maggiore, c)
Se Clori un guardo gira
6.1: All.o (Aria, re minore, c)
Vorrei, che quella
Fa parte diComposizioni vocali profane (scheda n. 6484)
Trascrizione del testo poeticoO si potessi amar senza temere
Tutto lieto saria
Il bel regno d’amore
Privo di gelosia
Potrebbe respirar anche il mio core
Non si vedrian già mai
E turbate e sdegnose
Tante e tante d’amor seguaci schiere.
O si potessi amar
O si potessi amar senza temere.

Quanto bella è Clori mia
Tanto fiero è il mio timore.
Fredda in petto [h]o gelosia
Come in seno [h]o caldo amore.

Se Clori un guardo gira
Intorno ad altro oggetto
M’empie il cor di sospetto
Se con altri favella
Onde bramo qual ora
A raggionar con lei
Tal’un rivolge il passo,
Che facciano gli [dei cangiarla in sasso.]

Vorrei, che quella
Sol fosse bella
A gl’occhi miei,
Che sol vorrei
Piacesse a me.
Altri per ella
Non peneria
E all’ora solo
Al mio gran duolo
Clori dovria
Donar mercé.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Nc - Napoli - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "San Pietro a Majella"
33.3.32(34)

   Scheda a cura di Manuela dell’Olio