Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 6746

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1700-1732
CompositoreMancini, Francesco (1672–1737)
TitoloCantata / del Sig.r Fran.co Mancini
PresentazionePartitura
PubblicazioneCopia, [1700-1732]
Descrizione fisicaC. 140r-147v (olim c. 147r-154v). Filigrana: Quadrupede non meglio identificato in campo cerchiato.
Note generaliA c. 147r-v è ricopiato il testo musicale di c. 143r-v, senza testo poetico
Titolo uniformeDate tregua un solo momento. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiSBN: IT\ICCU\MSM\0082590
Wright-Mancini: p. 335, n. 53
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: Largo (Aria, la minore, c)
Date tregua un solo momento
2.1: (Recitativo, fa maggiore, c)
Filli crudele e ria
3.1: All.o (Aria, la maggiore, c2/4)
Già stanco di penare
Fa parte diComposizioni vocali profane (scheda n. 6484)
Trascrizione del testo poeticoDate tregua un solo momento
Crude pene a questo core.
Troppo oh Dio danno tormento
Al mio sen Filli ed amore.

Filli crudele e ria
A quest’anima mia
Niega amor niega fé niega ristoro
E con aspro martoro
Vedendo l’infelice
Ch’a tanti suoi sospiri
Sperar pietà non lice
Vorria scogliere il nodo onde l’avvinse
Il faretrato amore
Quand’ecco dentro al core
Sorge più vivo all’ora
Il foco mio che Cupido il tiranno
Sempre rinova oh Dio
Per mio maggiore affanno
La vaga idea del crudo e caro bene
Questo sì ch’è dolor queste son pene.

Già stanco di penare
Vorria lasciar d’amare
Il povero mio core.
Vorria franger le catene
Ma pensando al caro bene
Più l’annoda il Dio d’amore.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Nc - Napoli - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "San Pietro a Majella"
33.3.32(24)

   Scheda a cura di Manuela dell’Olio