Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 6512

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1700-1740
CompositoreScarlatti, Alessandro (1660-1725)
TitoloQual bellezza divina provoca luminoso il guardo
PresentazionePartitura
Pubblicazione[s.l. : copia, 1700-1740]
Descrizione fisicaP. 41-56. Filigrana: non rilevata.
Note generaliTit. da indice; la prima aria sfocia in un recitativo-arioso ritornellato senza soluzione di continuità, così come accade per la sua seconda strofa
Titolo uniformeQual bellezza divina provoca luminoso il guardo. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiRISM A II: 703002437
Hanley: p. 409, n. 581
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, mi bem. maggiore, c)
Qual bellezza divina
2.1: (Aria, mi bem. maggiore, c)
Quel bel sol ch'ora m'abbaglia
2.2: (Recitativo-arioso, c)
e forza è ben che incenerito io pera
2.3: (Aria, c)
Balenando occhi guerrieri
3.1: (Recitativo, c)
E già il lor splendor m'abbatte e vince
3.2: (Arioso, 3/2)
Se non ho per difesa occhi di lince
4.1: (Recitativo, c)
Della beltà che scherno più nobile struttura
5.1: (Aria, fa minore, 3/2)
Occhi cari esemplari del Ciel
5.2: (Aria, 3/2)
Puppillette saette d'Amor
6.1: (Recitativo, c)
Voi che volgete alla città di Marte
7.1: (Aria, fa minore, 3/8)
Del fiume latino arene beate
7.2: (Aria, 3/8)
Di vostra fortuna
8.1: (Recitativo-arioso, c)
Reso ancora infelice odo lagnarsi il mare
Fa parte diCantate da camera (scheda n. 6505)
Trascrizione del testo poeticoQual bellezza divina
Provoca luminoso il guardo e il core
Ed immenso stupore
Adorata ruina
Diviene in un balen de sensi miei
Soccorretemi o dei
Che de suoi lumi il folgorante raggio
Gli occhi m'offusca e semivivo io caggio.

Quel bel sol ch'ora m'abbaglia
Con falangi di scintille
A mie deboli pupille
Move fulgida battaglia

E forza è ben ch'incenerito io pera
Se il guardo a me non presta aquila altera.

Balenando occhi guerrieri
Con esercito di luce
Di cui scorgo Amor ch'è duce
Dan l'assalto a' miei pensieri

E già il loro splendor m'abbatte e vince
Se non ho per difesa occhi di lince.

Della beltà che scerno
Più nobil strottura
Mai non formò la man di fabro eterno
A Febo il suo bel volto I raggi oscura
E quanto ha il ciel di bello il gran tonante
Tutto con ammirabil simmetria
Studiò d'epilogar nel suo sembiante
O resisti se puoi anima mia.

Occhi cari esemplari del Ciel
Quel tormento ch'io per voi sento
E' ristoro dell'alma fedel.

Puppillette saette d'Amor
Le ferite ch'in sen m'aprite
Son delitie del fido mio cor.

Voi che volgete alla città di Marte
Per mercar meraviglie avidi I passi
I prodigi dell'arte
Sorger potrette in quei scolpiti sassi
Ma raggirando il ciglio
All'Idolo ch'adoro il cor costante
Nel suo divin sembiante
Attoniti vedrete
Di natura I portenti e stupirete
Onde ogn'un ch'in lui tiene il guardo fiso
Dir potrà che di Roma
La maggior meraviglia è il suo bel viso.

Del fiume latino
Arene beate
Colmovvi il destino
Di gratie pregiate.

Di vostra fortuna
Il Gange si duole
Mentr'ebbe la cuna
In voi più bel sole.

Reso ancora infelice
Odo lagnarsi il mare
E mentre a lui più di vantar non lice
Con gloria singolare
Della dea degl'Amori il parto insigne
Ch'il Tebro ancor sa partorir Ciprigne.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneB-Bc - Bruxelles - Conservatoire Royal, Bibliothèque
670 (4)

   Scheda a cura di Ludovico Peroni