Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 6473

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData certa, 1711
CompositoreScarlatti, Alessandro (1660-1725)
TitoloCantata dell Sig.r Aless:o Scarlatti 1711
PresentazionePartitura
Pubblicazione[S.l. : copia], 1711
Descrizione fisicaP. 1-15. Filigrana: non rilevata.
Note generaliTit. da intitolazione; Data da intitolazione
Titolo uniformeOh Mitilde. Cantata, 1V, 1str, S,bc
Repertori bibliograficiHanley: p. 357, n. 493
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c)
Oh Mitilde Mitilde
2.1: adagio (Aria, c)
Tu mi dicevi un dì
3.1: (Recitativo, c)
E qual ti può dar mai diletto vero,
4.1: andante moderato (Aria, 3/4)
O rendimi il mio core
Fa parte diCantate da camera (scheda n. 6472)
Trascrizione del testo poeticoOh Mitilde Mitilde
Fosti meco tiranna e mensogniera
Io per dar fede, a tuoi fallaci detti,
Servo mi fei d'Amore,
Perché tu promettesti a questo core
D'amoroso piacer gioie e diletti
Ma oh Dio nò nò non fu così;
Ch'io provo e sento
D’ogn'affanno più crudo il fier tormento

Tu mi dicevi un dì
Ama se vuoi provar dolce ristoro
Ma poi non è così
Ch'io amo e nell'amar languisco e moro
Languisco e moro

E qual ti può dar mai diletto vero,
Il far ch'io viva in pene,
E togliesti ò crudel' da questo sen'
Il mio innocente e semplicetto core
Ah che amor non volea l'anima mia,
Che fin dall'or vedea nel suo timore
Quante pene e tormenti
Dovea soffrir senza provar contenti.


O rendimi il mio core
O non mi far penar
Se vuoi ch'ogn'or per te
mi strugga in dolce amore.
Tu prova ancora per me
le pene dell'amar.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneB-Bc - Bruxelles - Conservatoire Royal, Bibliothèque
674 (1)

   Scheda a cura di Ludovico Peroni