Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 6414

Livello bibliograficoMonografia
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1700-1740
CompositoreMancini, Francesco (1672–1737)
TitoloCantata à Voce Sola / Del Sig:r Fran.co Mancini
PresentazionePartitura
Pubblicazione[Napoli : copista napoletano, 1700-1740]
Descrizione fisica1 partitura (6 c.) ; 210x275mm. Filigrana: Animaletto inscritto in un cerchio.
Titolo uniformeCrudele lontananza. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiWright-Mancini
BibliografiaSirch-Passadore-Noseda.
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c; S,bc)
S: Crudele lontananza
%C-1@c 4-8-'A''FFF'F/4BB8-6BB8B''6CD/
2.1: Arioso (Aria, do maggiore, 3/4; S,bc)
So che non può piacer
3.1: (Recitativo, c; S,bc)
Fuggi fuggi dall'alma
4.1: Vago e largo (Aria, mi minore, c; S,bc)
Ah ch'è pena
5.1: (Recitativo, c; S,bc)
Vanne, vola ti dico gelo
6.1: A tempo giusto (Aria, la minore, c; S,bc)
Baciar voglio bell'anima mia
Fa parte di13 cantate e 1 aria (scheda n. 6417)
Trascrizione del testo poeticoCrudele lontananza
Mi fa Clori temer
Di tua costanza.
Il mio petto ti crede,
Ma da lungi è un ardir
Pretender fede.

So che non può piacer
A chi sa già goder
Amor lontano.

Non t'ingannar mio cor,
Non è senz'occhi amor
Né tanto insano.

Fuggi, fuggi dall'alma
Mia crudele gelosia.
Mi fido del mio ben e se m'inganno
Fuggo almen dal timor il grave affanno.

Ah, ch'è pena
Sentirsi nel core
Quel freddo timore
Che dice chi sa.

Il tuo bene
Da lungi t'uccide
E un altro si ride
Di tua fedeltà.

Vanne, vola ti dico, gelo,
Crudo nemico
Che sol dimori in seno.
Provò il mio cielo nuvolo o sereno.

Baciar voglio, bell'anima mia,
Quello strale ch'il cor mi ferì.

Crede l'alma sol ciò che desìa,
Esser cieca se piace così.
 Document image 
Risorse di rete ITICCUMSM 9443
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Mc - Milano - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "Giuseppe Verdi"
Fondo Noseda - L.16.9.12

   Scheda a cura di Simona Di Martino