Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 6289

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1700-1730
CompositoreMancini, Francesco (1672–1737)
TitoloCantata a voce sola / del Sig.r Fran.co Mancini
EdizioneBella copia
PresentazionePartitura
Pubblicazione
Descrizione fisica1 partitura (cc.87r-92v) ; 206x274mm.. Filigrana: non rilevata.
Note generaliRilegatura in pergamena
Titolo uniformeQueste vermiglie note. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiMaccavino-Pisani: 85
Wright-Mancini: 386-387
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Aria, C; 1V,1str)
S: Queste vermiglie note
2.1: Larghetto (Aria, la bem. maggiore, c/; 1V,1str)
S: Se leggi o cara
3.1: (Recitativo, C; 1V,1str)
S: Spargerai mio tesoro
4.1: (Aria, fa minore, 12/8; 1V,1str)
S: M'abbandona il mio respiro
Fa parte diCantate (scheda n. 6233)
Trascrizione del testo poeticoQueste vermiglie note
Note in cui vi stillai
Da l’aperte mie vene
In sì ria lontananza il fido core
Queste vermiglie note
Queste sì caro bene
Che già vergai con pretioso humore
Del mio sincero amore
Ultimi cari avanzi a te l’invio
Sì leggi idolo mio
Leggi queste di fé cifre dolenti
E vedrai che a momenti
Moribondo amoroso in un sospiro
Cigno di fedeltà l’anima spiro.

Se leggi o cara
Che per te moro
E pensa solo
Mio bel tesoro
Che tutto duolo
Moro per te.

Spargerai mio tesoro
In veder la mia carta
Dal profondo del cor caldi sospiri
Penserai che i martiri
Onde l’anima langue
Mi spinsero sui fogli
Dal fido core a distillare il sangue
Ma t’inganni mia vita
Se il mio duol più funesto
Che mi spinge di morte a l’ore estreme
E quello atroce e rio
Che soffro senza speme
Di darti o caro ben l’ultimo addio.

M’abbandona il mio respiro
E non posso all’or ch'io spiro
Dir mio ben ti lascio addio.
Ma se il fato vuol ch’io mora
Al mio spirto almeno implora
Qualche pace idolo mio.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-PLcon - Palermo - Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini, Biblioteca
Fondo Pisani - Arm. I Pis. 7(13)

   Scheda a cura di Fortunata Prinzivalli