Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 6263

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1700-1740
CompositoreBononcini, Giovanni (1670-1747)
TitoloCantata Del Sig.r Gio Bononcini
PresentazionePartitura
Pubblicazione[S.l. : copia, 1700-1740]
Descrizione fisicaPP. 245-253. Filigrana: non rilevata.
Note generaliLa cantata inizia dal terzo rigo a p. 245. Essa conclude la seconda parte del volume redatta dal Copista B.
Titolo uniformeIo son lungi alla mia vita. Cantata, 1V,1str, A,bc
Repertori bibliograficiMaccavino-Pisani: p. 70
URFM
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: Largo (Aria, 3/4; A, bc)
A: Io son lungi alla mia vita
%C-3$bB@3/4 4-‘AB/4.xC8BAG/4FE/
2.1: (Recitativo, c; A, bc)
A: Miser ben lo dissi io
3.1: Andante (Aria, 3/8; A, bc)
A: Il mio non è si vile
4.1: (Recitativo-arioso, c; A, bc)
A: Questo è quanto desìo
4.2: (Arioso, 3/4; A, bc)
A: Morte peggio di morte è lontananza
Fa parte diCantate di diversi autori (scheda n. 6219)
Trascrizione del testo poeticoIo son lungi alla mia vita
E pur bramo invan la morte
Nel fierissimo martire
Che mi danno Amore e Sorte
Il più fiero da soffrire
È il dolor ch’ho d’esser forte.

Miser ben lo dissi io, che per gl’amanti
Morte peggior di morte è lontananza,
Né il senso lusinghier della speranza
D’un cor fedel può rasciugare i pianti.

Il mio non è sì vile
Che in un dolor simile
Si voglia consolar
Anzi perch’ei moria
Cessando di sperar
Il ben che sol desia
È quel di disperar.

Questo è quanto desio ne l’infelice
Deplorabil mio stato
Ancor m’avanza miser ben
Lo diss’io che per li amanti.

Morte peggior di morte è lontananza.
 Document image 
 Document image 
 Document image 
Risorse di rete http://www.bononcini.org/index.php?option=com_ricerca&Itemid=10&lang=it
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-PLcon - Palermo - Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini, Biblioteca
Fondo Pisani - Arm. I Pis. 5(24)

   Scheda a cura di Sebastiano D’Ippolito Tamburo