Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 6261

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1700-1730
CompositoreBenati, Carlo Antonio
TitoloRitratto di Clori Del Sig.r Carlo Benati
PresentazionePartitura
Pubblicazione[S.l. : copia, 1700-1730]
Descrizione fisicaPP. 233-239. Filigrana: non rilevata.
Note generaliLa cantata inizia dal terzo rigo a p. 233. Copista B.
Titolo uniformeHai di mirar vaghezza. Cantata, 1V,1str, A,bc, Ritratto di Clori
Repertori bibliograficiMaccavino-Pisani: p. 69
URFM
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c; A, bc)
A: Hai di mirar vaghezza
%C-3$xF@c 2-‘8D6DE8FG/4AA8AAA6AB/
2.1: (Aria, 3/4; A, bc)
A: Rosea bocca orna quel viso
3.1: (Recitativo, c; A, bc)
A: Ma se musiche corde avien che tocchi
4.1: (Aria, 3/8; A, bc)
A: Lodolete tacete fuggite
5.1: (Recitativo, c; A, bc)
A: O felice pastor
Fa parte diCantate di diversi autori (scheda n. 6219)
Trascrizione del testo poeticoHai di mirar vaghezza
Ninfa che da le stelle il nome invola
Vieni e conoscerai che sia belleza[!]
Ha un'aria che consola
Tutto è modestia e tutto brio
Lo spirito bianco al pari d'un giglio
Alta qual mito
E quel che solo e di beltà divine
Ha negrissimo l’occhio e biondo il crine.

Rosea bocca orna quel viso
Con un lampo di sorriso
Che da lei non parte mai
Ride ancor quando non ride
E chi mesta ancor la vide
Vide il riso in quei bei rai.

Ma se musiche corde avien che tocchi
E sciolga ai labbri il freno
Fan più languir co i giri lor quegl’occhi
Fa tramortir co suoi risalti il seno
E per finir di dar la morte a un core
Escon le note angeliche e canore.

Lodolette tacete
Fuggite aroscite[!]
Che v’odano i venti
Son di voi più canori
E soavi più de favi
Quei labbri innocenti.

O felice Pastor tra i più felici
Non temer della sorte a te rubella
Se con influssi amici
Hai l’aspetto gentil di questa stella.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-PLcon - Palermo - Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini, Biblioteca
Fondo Pisani - Arm. I Pis. 5(22)

   Scheda a cura di Sebastiano D’Ippolito Tamburo