Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 6258

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1700-1730
CompositoreBenati, Carlo Antonio
TitoloCantata Del Sig.r Carlo An:o Benati
PresentazionePartitura
Pubblicazione[S.l. : copia, 1700-1730]
Descrizione fisicaPP. 212-219. Filigrana: non rilevata.
Note generaliCopista B.
Titolo uniformeSedea la pastorella. Cantata, 1V,1str, A,bc
Repertori bibliograficiMaccavino-Pisani: p. 67
URFM
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c; A, bc)
A: Sedea la pastorella
%C-3@c 4-8-‘GEE6-EFG/8DD4F+F8FF/
2.1: (Aria, c; A, bc)
A: Solitudine Romita
3.1: (Recitativo, c; A, bc)
A: Quand'ecco all'improvviso
4.1: (Aria, 12/8; A, bc)
A: Tu sei più caro amor
Fa parte diCantate di diversi autori (scheda n. 6219)
Trascrizione del testo poeticoSedea la Pastorella
Sola soletta a piè d’alta foresta
E col piegar la testa
Al mole sen quanto apparia per bella
Tanto al veder ti conoscea per mesta
E ben più d'un Pastore
Dicea passando allor da quelle piante
Quell'ama al certo, ed ha lontan l’Amante.

Solitudine romita
La ferita in lei consola
Ha nell’alma il ben che adora
e con lui parlando ogn’hora
Sembra sì ma non è sola.

Quand’ecco all’improvviso alza i begl’occhi
E tra le selve amene
Fan balenar la leggiadria del viso
Quel cor presente il suo Pastor che viene
E solo appunto ei giunge
So che gl’atti d’amor mirai dà lunga
Non vò spiegarli in note
Ma chi fu amante immaginar li puote.

Tu sei pur caro amor
E sei più caro all’ora
Che nasci dal dolor
Lontananza in te si sente
Quel che sia l’haver presente
Chi dà pena e gioia al cor.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-PLcon - Palermo - Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini, Biblioteca
Fondo Pisani - Arm. I Pis. 5(19)

   Scheda a cura di Sebastiano D’Ippolito Tamburo