Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 6252

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1700-1730
CompositoreMancini, Francesco (1672–1737)
TitoloCrudeltà
PresentazionePartitura
Pubblicazione[S.l. : copia, 1700-1730]
Descrizione fisicaPP. 164-170. Filigrana: non rilevata.
Note generaliLa testata del frontespizio a p. 164 è parzialmente corrotta a causa della rifilatura. Si nota inoltre la presenza della scritta a matita di mano recente «(Mancini?)». Copista A.
Titolo uniformeSpietatissima Clori. Cantata, 1V,1str, S,bc, Crudeltà
Repertori bibliograficiMaccavino-Pisani: p. 65
Wright-Mancini: p. 397, n.171
URFM
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, la minore, c; S, bc)
S: Spietatissima Clori
%C-1@c 4-‘8AA’’4D8EF/EE2-8E’A/
2.1: (Aria, la minore, c; S, bc)
S: In agonia d'amore
3.1: (Recitativo, c; S, bc)
S: Mi lusinghi m'alletti
4.1: (Aria, c 3/8; S, bc)
S: Ad esser crudo
Fa parte diCantate di diversi autori (scheda n. 6219)
Trascrizione del testo poeticoSpietatissima Clori
E qual termine havranno i tuoi rigori
Se invece di gioire
Porgi nuovo alimento al mio languire.

In agonia d’amore
Il misero mio core
Quasi morendo stà
E tu crudel non senti
In tanti suoi tormenti
Un ombra di pietà.

Mi lusinghi m’alletti e poi mi sprezzi
Con incerta speranza
Sempre mi fai goder ma in lontananza.

Ad esser crudo
Il nume ignudo
Da te imparò
Che nel piegarmi
Con il veleno
Di quel tuo seno
Farmi temprò.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-PLcon - Palermo - Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini, Biblioteca
Fondo Pisani - Arm. I Pis. 5(14)

   Scheda a cura di Sebastiano D’Ippolito Tamburo