Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 6229

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1700-1730
CompositoreMancini, Francesco (1672–1737)
TitoloCantata a Voce Sola / Del Sig.r Fran:co Mancini
PresentazionePartitura
Pubblicazione[S.l. : copia, 1700-1730]
Descrizione fisicaPP. 12-22. Filigrana: non rilevata.
Note generaliIl titolo si ricava dall'intestazione a p. 12. Copista A.
Titolo uniformeSenti senti Dorinda. Cantata, 1V,1str, A,bc
Repertori bibliograficiMaccavino-Pisani: p. 58
Wright-Mancini: p. 394, n.165
URFM
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, la minore, c; A, bc)
A: Senti senti Dorinda
%C-3@c 4-‘8AE’’C’6AA8AB/GG-GADDE/
2.1: (Aria, mi minore, c 3/4; A, bc)
A: Questo è il sogno
3.1: (Recitativo, c; A, bc)
A: Cara Dorinda mia
4.1: (Aria, la minore, c/; A, bc)
A: Più degno amor più bella fé
Fa parte diCantate di diversi autori (scheda n. 6219)
Trascrizione del testo poeticoSenti senti Dorinda
Vaga un sogno che s’è fatto il tuo Fileno
Mi pareva ch’il mio seno
Fosse tutto una piaga
E che donna straniera
Tentando andasse con pietosa mano
Di risanar la piaga mia ma invano.

Questo è il sogno, e questo addita
L’animosa mia costanza
Del mio petto la ferita
E d’amor ch’eterno dura
E colei ch’invan procura
Di sanarla è lontananza.

Cara Dorinda mia
O da lungi o da presso
Saro l’istesso e t’amero per sempre
Mira di quali tempre
È l’amor mio sincero
Ch'è un sogno ancor che rappresenta il vero.

Più degno amor
Più bella fé
In altro core
Non ch’e non v’è
Se in mille parti
Tu cercherai
Non troverai
Chi sappia amarti
Al par di me.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-PLcon - Palermo - Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini, Biblioteca
Fondo Pisani - Arm. I Pis. 5(2)

   Scheda a cura di Sebastiano D’Ippolito Tamburo