Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 4608

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta,
CompositoreHändel, Georg Friedrich (1685-1759)
PossessoreCecchini Pacchierotti, Giuseppe (1805-1866)
PossessoreRolandi, Ulderico (1874-1951)
TitoloCantata 15.a / [Georg Friedrich Händel]
PresentazionePartitura
Pubblicazione[s.l. : copia, 1761-1790]
Descrizione fisica1 partitura (c. 51v-54v). Filigrana: LM sormontata da un uccello.
Note generaliLa cantata è la sedicesima della raccolta manoscritta. Nome dell'autore dai repertori.
Titolo uniformeNinfe e pastori che nel cor nutrite. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliografici
BibliografiaHanley: H19x. HWV: 139a.
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c)
Ninte e pastori che nel cor nutrite
2.1: (Aria, do minore, 3/8)
È una tiranna
3.1: (Recitativo, c)
Vince la ninfa mia coi suoi bei lumi
4.1: (Aria, sol minore, c)
Ha nel volto un certo brio
5.1: (Recitativo, c)
Questo oggetto sì vago e sì vezzoso
6.1: (Aria, si bem. maggiore, 3/8)
Ditegli ch'il mio core
Fa parte diCantate per soprano (scheda n. 4551)
Trascrizione del testo poeticoNinfe e pastori, che nel cor nutrite
Dolci amorosi ardori,
Deh per pietà mi dite,
Dove s'aggira la mia bella Clori.
E se saper volete
I suoi pregi, i suoi vanti, i suoi costumi
Io vel dirò, ma poi
Non fissate lo sguardo a lumi suoi.

È una tiranna
La ninfa bella,
Che m'innamora.
Sempre rubella
Fugge e t'inganna,
Chi più l'adora.

Vince la ninfa mia coi suoi bei lumi
Del sole i rai lucenti
E sono i labbri suoi rubini ardenti.
Nella guancia vezzosa
Pompeggia gentilmente e giglio e rosa.
La fronte e un ciel sereno
Cede il candido avorio al bianco seno.
La vaga bella mia
È un misto di bellezza e leggiadria.

Ha nel volto un certo brio
L'idol mio,
Che diletta e spira ardor.
Le sue vaghe pupillette
Son saette,
Che dan palme al dio d'amor.
Le sue vaghe pupillette
Son saette,
Che dan palme a questo cor.

Questo oggetto sì vago e sì vezzoso,
Sempre crudo e ritroso
Sprezza della mia fè gl'alteri vanti.
Sorda ai sospiri, alle querele, ai pianti,
Deh, per pietà, pastori,
Se mai vedete Clori.

Diteli ch'il mio core
Arde per lei d'amor tutto fedele.
E se nega mercè,
Ditegli voi per me:
Bella crudele.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Vgc - Venezia - Biblioteca della Fondazione Giorgio Cini
Fondo Rolandi - senza segnatura(16)

   Scheda a cura di Giulia Giovani