Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 4537

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1703-1710
CompositoreAriosti, Attilio Malachia (1666-1729)
Autore incertoBononcini, Giovanni (1670-1747)
TitoloGenio I Cantata
PresentazionePartitura
PubblicazioneWien : copia, 1703-1710
Descrizione fisica2-9 cc.. Filigrana: non rilevata.
Titolo uniformeGenio che amar volea. Cantata, 1V,bc, S,bc, Genio
Repertori bibliograficiBennett-Meiningen
Barazzoni-Ariosti
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c)
S: Genio che amar volea
%C-1@c $bB@c ''4DD8-''DC'B/'4AA8-'6xFG8A6AB/''4CC
2.1: Largo (Aria, sol minore)
O fa' lecito il mio ardore
%@ %C-1$bB@c=3/2-4-8-'6B''C/''8.D6D8DD{''6DC'BA}4G/
3.1: (Recitativo, c)
Tu che onnipotente
4.1: Vivace (Aria, mi minore, c)
Vedervi e non amarvi
5.1: (Recitativo, c; S,bc)
S: Alzossi allora il faretrato dio
6.1: largo (Aria, sol minore, 3/4; S,bc)
S: Ama genio gentile
Fa parte di12 cantate da camera (scheda n. 4563)
Trascrizione del testo poeticoGenio che amar volea,
Ma per legge importuna
Di curata amicizia
O non potea o non dovea amare,
Spiegò in questi accenti
E le lagrime sue e i suoi tormenti:
Amore non devo amare
Ma non amar non posso.
E se non devo amare
Per occulta violenza, amar io voglio.
Pure conosco, oh dio,
Allor ch’io voglio amar che amar non devo.
Così de la tua face,
Miserabile scherzo,
Amo, non amo e in un medesmo istante
Non disamo, non amo e sono amante.

O fa' lecito il mio ardore
O pur lasciami morir.
Nume alato faretrato
Da' più doglie e da' più pene
Ma sia giusto il mio languir.

Tu che onnipotente
Sotto forme ferine
Festi mugir per l'onde
Innamorato Giove,
Tu che puoi quanto vuoi,
Questa legge dispensa
Questa legge crudel che amar mi niega.
Perché se non dispensi
Questa legge tiranna
E se il mio vivo ardore
Il tuo poter non copre e non protegge,
Sappi ch'io voglio amar legge o non legge.

Vedervi e non amarvi
Belle luci non si può.
>No, no, no, no non si può.<
Care labra,
Se incatenate,
Voglio amarvi,
Idolatrarvi,
Né può legge
Che dica di no.

Alzossi allora il faretrato dio
E al genio suplicante
Rispose chiaro sì ch’ognun l’udio:

Ama genio gentile, ama ché regge
Alta legge d’amor ogn’altra legge.
 Document image © Österreichische Nationalbibliothek
Risorse di rete Sito data.onb.ac.at
PaeseAustria
LinguaItaliano
LocalizzazioneA-Wn - Wien - Österreichische Nationalbibliothek
A-Wn, Mus Hs. 17591.1

   Scheda a cura di Licia Sirch