Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 4366

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData certa, 1707
CompositoreMancini, Francesco (1672–1737)
Compilatore della raccoltaMaioli d'Avitabile, Biagio
Titolo[Tu partisti, o bella Clori]
PresentazionePartitura
PubblicazioneNapoli : copia, 1707
Descrizione fisica. Filigrana: non rilevata.
Note generaliAnnotazioni rasate (forse nome del compositore) in alto della pagina.
Titolo uniformeTu partisti, o bella Clori. Cantata, 1V,1str., A,bc
Repertori bibliografici
BibliografiaWright-Mancini: no. 189.
Descrizione analitica1.1: A tempo giusto (Aria, fa maggiore, 3/4)
Tu partisti, o bella Clori
2.1: (Recitativo, c)
Ma se partì il tuo sole
3.1: Andante (Aria, si bem. maggiore, c)
Spera mio cor, sì, sì
4.1: (Recitativo, c)
Questo è il maggior tormento
5.1: Allegro (Aria, fa maggiore, 12/8)
Di te, o cor dell'alma mia
Fa parte diCantate da camera (scheda n. 4351)
Trascrizione del testo poeticoTu partisti, o bella Clori,
Vò cercando i tuoi bei rai.
Per dar pace a miei dolori
Te desio, che tanto amai.

Ma se partì il tuo sole,
Deh, datti pace, o core.
Ah, fiera dipartita, ah, rio dolore,
Dunque di riveder l’amato bene,
Mio cor, non hai più speme.
Sì, sì, la rivedrai,
Ma non so, se fedel come vorrai.

Spera mio cor, sì, sì,
Di riveder un dì l’amato ben.
Ma temo una beltà,
Che con l’infedeltà
Non turbi il bel seren.

Questo è il maggior tormento
Pensar, che il caro bene
Rechi ad altri contento,
Ma che mai far poss'io,
Se da te lungi io vivo, Idolo mio?
Solo dunque mi lice
Il rammentarti, o cara,
Quanto io t'amo ed amai fido e costante
E lascio in tuo poter, bella crudele,
O di tradirmi, o d'essermi fedele.

Di te, o cor dell'alma mia,
Sta in poter la mia fè.
Or se vuoi, che lieto io sia,
Fa, che a me costante sia
Il tuo cor, se lungi è il piè.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Gl - Genova - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "N. Paganini"
A.7b.42 (A.1.20)(11)

   Scheda a cura di Berthold Over