Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 4364

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData certa, 1707
CompositoreMancini, Francesco (1672–1737)
Compilatore della raccoltaMaioli d'Avitabile, Biagio
Titolo[Del più fiero rigore]
PresentazionePartitura
PubblicazioneNapoli : copia, 1707
Descrizione fisica. Filigrana: non rilevata.
Note generaliAnnotazioni rasate (forse nome del compositore) in alto della pagina.
Titolo uniformeDel più fiero rigore. Cantata, 1v,1str, S,bc
Repertori bibliografici
BibliografiaWright-Mancini: no. 54.
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, mi minore, c)
Del più fiero rigore
2.1: A tempo giusto (Aria, sol maggiore, c)
Non posso un sol momento
3.1: (Recitativo, c)
Oh quanto son diversi
4.1: Andante (Aria, mi minore, 12/8)
In quelle pupilette
Fa parte diCantate da camera (scheda n. 4351)
Trascrizione del testo poeticoDel più fiero rigore,
Che nudriscono in sen le Tigri Ircane,
S’armi pur il tuo core
E a me sempre inumane
Volgi le tue pupille,
Che mai non cesserò d’amarti, ò Fille.

Non posso un sol momento
Scordarmi il bel sembiante,
Ch’il cor m’innamorò.
Godo nel mio tormento
E nel penar costante
Lasciar d’amar non so.

Oh quanto son diversi
I tuoi da miei pensieri!
Tu brami, ch’io non speri
Di placare il rigore
Del tuo spietato core.
Io nol pretendo, no, ma il nume infante
Lusingando mi va
Con dir, ch’avrò pietà dal tuo sembiante.

In quelle pupilette
Le gioie mi promette
Il Dio d’amore.
Pietà, luci vezzose,
Pietà, luci amorose,
E non rigore.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Gl - Genova - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "N. Paganini"
A.7b.42 (A.1.20)(9)

   Scheda a cura di Berthold Over