Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 29

Livello bibliograficoMonografia
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1861-1862
CompositoreScarlatti, Alessandro (1660-1725)
TitoloCantata / Del Sig.e Cav. Aless.dro Scarlatti
PresentazionePartitura
Pubblicazione[Napoli : copia, 1861-1862]
Descrizione fisica1 partitura (6 c.) ; 225x290 mm. Filigrana: Corno sorretto da nastro entro cerchio doppio. D. Giovanni G. Di Minori, sormontata da croce di Malta e data 1861.
Note generaliTit. dall'intitolazione a c. 1r; ultima p. vuota
Titolo uniformeE quando ingrata Nice. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiHanley: 235
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c)
S: E quando ingrata Nice
%C-1@c 4-8-'GbBB-G/''DDDbE4EE/8-6ED8C
2.1: (Aria, do minore, c)
Un cor che sia fedele
3.1: (Recitativo, c)
Se forse tu pretendi
4.1: Andante (Aria, sol minore, c/)
Quanto più crudel mi sprezzi
Fa parte diCantate (scheda n. 17)
Trascrizione del testo poeticoE quando ingrata Nice
Volgerai men crudele
Pietosa l'alma ed amoroso il guardo
A questo cor fedele
Che soffre sol per te d'amore il dardo
Ah rammentati o bella
Che la tua crudeltà troppo m'accora
Rifletti che t'adora
T'ama [l'alma ?] che sol per te languir la sento
E disprezzarmi poi io son contento.

Un cor che sia fedele
E t'ami al par di me
Credimi che non v'è tra cori amanti.
Per te che sei crudele
Più pace in sen non ho
E sempre spargerò sospiri e pianti.

Se forse tu pretendi
Adorata tiranna
Di vincer la mia fè col tuo rigore
Pensa cor del mio core
Che troppo vano è questo tuo pensiero
Mentre per mio duol spero
Quanto più mi disprezzi
Più m'aduci [!] a bramar sorrisi e vezzi.

Quanto più crudel mi sprezzi
Tanto più fedel sarò.
E se nieghi scherzi e vezzi
Al mio cor che per te more
Col soffrire il tuo rigore
Forse alfin ti placherò.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Mc - Milano - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "Giuseppe Verdi"
Fondo Noseda - L.22.25.11

   Scheda a cura di Raffaele Deluca e Gabriele Gamba