Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 2537

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1710-1740
CompositoreScarlatti, Alessandro (1660-1725)
TitoloCantata à Voce sola / Del Sig.r Cavaliere Aless.o Scarlatti
PresentazioneNon applicabile
Pubblicazione[S.l. : copia, 1710-1740]
Descrizione fisica4 c. (37r-40v) ; 210x275 mm. Filigrana: non rilevata.
Note generaliTit. dall'intitolazione a c. 37r; c. 40v vuota
Titolo uniformeSe d'Elisa spietata il bel sembiante. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiSBN: IT\ICCU\MSM\0081755
RISM A II: 850021610
Hanley: n. 644
URFM
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c)
S: Se d’Elisa spietata il bel sembiante
%C-1@c ''8E'BG6AB8''CCCC/4'AA8AA''xD6ExF/
2.1: (Aria, do maggiore, c)
S: Cari sguardi degl’occhi d’Elisa
3.1: (Recitativo, c)
S: Ma oh Dio che quanto vaghe
4.1: Andante (Aria, mi minore, 3/8)
S: Sian pur crude le ferite
Fa parte diCantate (scheda n. 2529)
Trascrizione del testo poeticoSe d’Elisa spietata il bel sembiante
Sembra un ciel di bellezza a chi lo mira,
Se resa ogn’alma amante,
Tra le pene d’amor per lui sospira
Affetto del fulgor di sue pupille
Che vibra accesi rai dardi e faville.

Cari sguardi degl’occhi d’Elisa
Siete faci del nume d’amor.
Dal bel nume ch’in voi si ravvisa
Vien la fiamma ch’accende ogn’or.

Ma oh Dio che quanto vaghe
Lucide stelle ai lumi altrui sembrate
Tante asprissime piaghe,
Aprite ad ogni sguardo che girate
E se avvien che dolente un cor vi chiede
Aita al duolo che per voi l’uccide,
Pietà negate el’ vostro cor sen ride.

Sian pur crude le ferite
Ch’in un sen ogn’or m’aprite
Ma a pietate poi vi muova
Il suo penar.
Se d’amor siete due stelle
Voi benigne siate quelle
Destinate l’alme amanti
A consolar.
Risorse di rete Scheda e immagini in Internet Culturale
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Nc - Napoli - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "San Pietro a Majella"
34.5.9 (10)

   Scheda a cura di Giacomo Sciommeri