Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 2430

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1710-1750
CompositoreArrigoni, Carlo (1697-1744)
Titolo/Del Sig.r Carlo Arrigoni
PresentazioneNon applicabile
Pubblicazione[S.l. : copia, 1710-1750]
Descrizione fisicaC. 136-138 ; 210x285 mm. Filigrana: non rilevata.
Note generaliTit. dall'intestazione a c. 136; num. delle carte moderna (136-138); causa rifilatura illeggibile parte dell'intitolazione
Titolo uniformeDopo un fatale doloroso addio. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiRISM A II: 850041022
Bini-Fondo Mario: pp. 398-399
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c)
S: Dopo un fatale doloroso addio
%C-1$bBE@c 2-8'B6BB8BB/BB''CDEE4-/8E'B4''G8EE6EF/
2.1: Andante (Aria, si bem. maggiore, c)
S: Vivi e spera unica vita
%C-1$bBE@c 4.''F8G4F+{6FEDE/4D'A+8B{6''C'B}4A/
3.1: (Recitativo, c)
S: A questi accenti tu risorgi
%C-1$bBE@c 8-''DDECC-6'GG/8''xCC-'GAA-6AA/
4.1: Allegro (Aria, mi bem. maggiore, 3/4)
S: Sembra partire ancor
%C-1$bBE@3/4 =9/4''E8E'BGB/''E'BGEGbA/
Fa parte diComposizioni vocali da camera (scheda n. 2381)
Trascrizione del testo poeticoDoppo un fatale doloroso addio
Clori, ahi Clori, in un tratto al suo Fileno
Cadde e rimase moribonda in seno
Egli l’amato peso
Sostien ma cade al duolo
Né sa che fare solo
Sparge di caldo pianto
La morta faccia e la ravviva al quanto
Clori tutti in un guardo allor raccoglie
Quei pochi spirti che fuggiro al core
Le languide pupille
A lui rivolge e poi sospira e tace
A gran pena Filen la lingua scioglie
Ma parla a lei con mille
Baci che danno ad ambedue vigore
Al fin con la parola
Troncata dai sospir Clori consola.

Vivi e spera unica vita
Di due cor la tua partita
Separarci mai potrà.
Ombra tua per queste selve
Sarò sempre dalle belve
La mia man ti salverà.

A questi accenti tu risorgi
O Clori la tua fronte
Divien chiara e serena
Si fa la guancia adorna
Già de’ nativi suoi perduti fiori
Già sento che ritorna
La dolce forza usata
Al tuo braccio gentil che m’incatena
Con un subito amplesso
E mentre il mio si stringe al caro petto
Io canto i moti del tuo core istesso
Vivi mori di gioia e di diletto
I cori nel momento
Ch’io perderti credei Clori vezzosa
Ti ritrovo più bella e più amorosa.

Sembra partire ancor
Il sol di nubi avvolto
Ma poi con più fulgor
Ritorna e splende.
Siete il mio vero sol
Begl’occhi di quel volto
E sgombrati dal duol
Più amor v’accende.
 Document image 
Risorse di rete Scheda e immagini sul sito della Bibliomediateca Accademia Nazionale Santa Cecilia
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Rama - Roma - Bibliomediateca Accademia Nazionale Santa Cecilia
Fondo Mario - A.Ms.3702 (47)

   Scheda a cura di Francesca Muccioli