Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 2409

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1710-1750
CompositoreAstorga, baron Emanuele Gioacchino Cesare Rincon, d' (1680-1757)
TitoloCantata D'astorga
PresentazioneNon applicabile
Pubblicazione[S.l. : copia, 1710-1750]
Descrizione fisicaC. 77r-80r ; 210x285 mm. Filigrana: non rilevata.
Note generaliTit. dall'intestazione a c. 77v; num. delle carte moderna (77-80); a c. 77r finale di "Dolce e molesta cura" (vedi scheda 2408); a c. 80r incipit di "In questo core più va crescendo" (vedi scheda 2410); il verso "Lo sa il mio core e tu crudel lo sai" in originale "Lo sa il mio core e tu crudele lo sai"
Titolo uniformeClorinda, s'io t'amai. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiRISM A II: 850041001
Ladd: B40
Bini-Fondo Mario: p. 396
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c)
S: Clorinda s'io t'amai
%C-1@c 8-'FbBB4-8''DC/4CC8-CbEC/
2.1: Larghetto (Aria, sol minore, 12/8)
S: Non lagnarti se più non sei
%C-1$bB@12/8 =3/4-8-4'G8A.B6''C8D4bE8'G/
3.1: (Recitativo, c)
S: E qual fé, qual amor
%C-1$bB@c 8''E'B4''C-8C'bA/''DDDbEE'B4-/
4.1: Andante (Aria, sol minore, c)
S: Già libero, già sciolto
%C-1$bB@c =4/4-8-'FB{6''C'B}8''C'F/
Fa parte diComposizioni vocali da camera (scheda n. 2381)
Trascrizione del testo poeticoClorinda, s'io t'amai
Con pura fede e con sincero affetto
Se per te dal mio petto
Tenni sempre lontano ogni altro amore
Lo sa il ciel, lo sa amore
Lo sa il mio core e tu crudel lo sai
Sai pur quante soffersi
Aspre pene per te di gelosia
Se mai dall’alma mia
Si scancello la tua gentil sembianza
Una dolce speranza
Di non trovarti infida all’amor mio
Lungo tempo nudri tanta mia fede
Or che l’alma s’avvede
Che sol per ingannarmi
M’allettasti all’amor con tue lusinghe
Dai lacci al fin mi sciolgo
Smorzo l’infausto amore
Spunto l’acuto dardo
Che già vibrommi un tuo vezzoso sguardo.

Non lagnarti se più non sei
Degli occhi miei la bella face
Se più non ardo d’amor per te.
Non lagnarti se più non t’amo
Se il tuo bel volto non mi piace
Se questo core più tuo non è.

E qual fé, qual amor da me pretendi
Quella fé che sprezzasti
Quel amor che tradisti alma infedele
Pensa pur o crudele
Al barbaro costume
Del ingrato tuo cor e da me poi
Pretendi fé, pretendi amor se puoi.

Già libero, già sciolto
Io son dalle catene
Che mi legaro il cor.
Mirando il tuo bel volto
Non sento più pene
Dell’amoroso ardor.
 Document image 
Risorse di rete Scheda e immagini sul sito della Bibliomediateca Accademia Nazionale Santa Cecilia
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Rama - Roma - Bibliomediateca Accademia Nazionale Santa Cecilia
Fondo Mario - A.Ms.3702 (26)

   Scheda a cura di Francesca Muccioli