Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 2293

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData certa, 1709
CompositoreScarlatti, Alessandro (1660-1725)
Autore del testo per musicaOttoboni, Antonio (1646-1720)
CopistaLanciani, Tarquinio
TitoloCantata à Canto Solo Con Violini. / Del Sig.r Alessandro Scarlatti. 12. 7bre 1709
PresentazionePartitura
PubblicazioneRoma : copia di Tarquinio Lanciani, 1709
Descrizione fisica1 partitura. Filigrana: non rilevata.
Note generaliIn una raccolta di cantate su testi di Antonio Ottoboni compilata nel 1709.
Titolo uniformeAlma tu che dal cielo. Cantata, 1V,3str, S,2vl,bc
Repertori bibliografici
BibliografiaTalbot-Timms. Marx-Watanabe.
Descrizione analitica1.1: Allegro assai (Introduzione strumentale, fa maggiore, c/)

1.2: Adagio (Introduzione strumentale, do maggiore, c)

2.1: (Recitativo, fa maggiore, c)
Alma tù, che dal cielo
3.1: Adagio (Aria, la minore, c)
Come mai
4.1: (Recitativo, c)
Dal tuo natal sublime
5.1: Andante e staccato (Aria, mi bem. maggiore, c 3/4)
Vedi l'Inferno aperto
6.1: (Recitativo, fa maggiore, c)
Prendi il crin della sorte, oggi sei salva
Fa parte diCantate da camera (scheda n. 2283)
Trascrizione del testo poeticoAlma tù, che dal cielo
La più perfetta origine traesti,
Tù, che à vestir questo corporeo velo
Peregrina scendesti,
Deh, nel breve camin, che t’è prescritto,
Guardati, dal delitto!
E sei t’assale, i pregi tuoi rammenta,
D’immortal, di creata e di redenta.

Come mai
Tanto ingrata esser potrai
Verso un Dio, che ti creò?
Verso un Dio, che per tuo bene
Soffri stenti, oltraggi e pene
Et il sangue al fin versò.

Dal tuo natal sublime,
Dal dover, dall’onor, dal tuo periglio,
Alma, prendi consiglio!
Bilancia pur premio e castigo e poi
Pecca, se peccar puoi.
E se creata e se redenta sei,
Pecca, se peccar dei.
Pur redenta e creata
Tù pecchi ancora? Ah, sconoscente! Ah, ingrata.

Vedi l’Inferno aperto
E vedi aperto il ciel.
La mente tua si svegli,
Indì rifletti e scegli
D’esser ver te col merto
Pietosa ò pur crudel.

Prendi il crin della sorte, oggi sei salva,
Mà se aspetti à diman la sorte è calva.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneGB-Lbl - London - British Library
Add.34056(8)

   Scheda a cura di Berthold Over