Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 2061

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1707-1709
CompositoreHändel, Georg Friedrich (1685-1759)
CopistaAngelini, Antonio Giuseppe
PossessoreRuspoli, Francesco Maria (1672-1731)
TitoloCantata à voce sola / Del Sig.r G. F. Hendel
PresentazionePartitura
PubblicazioneRoma : copia, (1707-1709)
Descrizione fisicaC. 68-73v. Filigrana: non rilevata.
Note generaliHWV 159. La cantata è stata copiata per Francesco Maria Ruspoli da Antonio Giuseppe Angelini nel 1707 e da Francesco Lanciani nel 1709.
Titolo uniformeSe per fatal destino. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiRISM A II: 451019354
BibliografiaKirkendale-Ruspoli 1: Doc. 1, 35.
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, fa minore, c)
Se per fatal destino
2.1: Adagio (Aria, fa minore, c)
Crude stelle, astri tiranni
3.1: (Recitativo, c)
Ma come incauta arridi
4.1: (Aria, do minore, 12/8)
Con voi mi lagnerò
Fa parte diCantate da camera a voce sola (scheda n. 2052)
Trascrizione del testo poeticoSe per fatal destino
Del faretrato arcier vuol la mia sorte,
Che muta sia ed amante,
Troppo è crudel decreto a un cor, che adora,
Come potrò infelice
Occultar quelle fiamme,
Se una lingua, che tace,
Antidoto al suo mal sdegnia nè brama,
Sollievo alle sue doglie
Parlar dunque dovrò? No, vuò, che sia
Taciturno penar la morte mia.

Crude stelle, astri tiranni
Consigliatemi a morire
O toglietemi amorose
L’ostinato mio timor.
Insegnate al cor amante
La ragion d'un bell’ardire
O narrate almen pietose
Al mio ben il mio dolor.

Ma come incauta arridi
Al tuo mal, se tu puoi,
Ora che sola sei, ne alcun ti sente,
Dir il bel nome, oh Dio, troppo pavento,
Ch’eco il redia e poi
L’aure, che qui d’intorno
Spirano vezzosette?
Con suoi lievi sussurri
Portin con mio rossore
Altrove la cagion de miei martiri.
Dunque misera godi
De guardi sol, chi sa, che fatto accorto
L’idolo tuo del tuo penoso foco
A un reciproco amor non presti loco?

Con voi mi lagnierò,
Occhi, se non trovate
Rimedio a un tanto ardor.
Un guardo, ben sapete,
Può l’amorosa sete
Estinguer del mio cor.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneD-MÜs - Münster - Santini-Bibliothek (in D-MUp)
Sant.Hs.1899(9)

   Scheda a cura di Berthold Over