Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 2054

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1707-1709
CompositoreHändel, Georg Friedrich (1685-1759)
CopistaAngelini, Antonio Giuseppe
PossessoreRuspoli, Francesco Maria (1672-1731)
TitoloCantata / Del Sig.r G. F. Hendel
PresentazionePartitura
PubblicazioneRoma : copia, (1708)
Descrizione fisicaC. 17-24v. Filigrana: non rilevata.
Note generaliHWV 107. Due volte copiato da Antonio Giuseppe Angelini.
Titolo uniformeDitemi o piante o fiori. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiRISM A II: 451019347
BibliografiaKirkendale-Ruspoli 1: Doc. 24, 25.
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, mi minore, c)
Ditemi, ò piante, ò fiori
2.1: (Aria, mi minore, c)
Il candore tolse al giglio
3.1: (Recitativo, c)
Ma la beltà del volto
4.1: (Aria, fa maggiore, c 3/8)
Per formar sì vaga e bella
Fa parte diCantate da camera a voce sola (scheda n. 2052)
Trascrizione del testo poeticoDitemi, o piante, o fiori,
Voi, che da Eurilla mia beltà prendete,
Dite: vedeste mai
Più risplendenti rai,
Ninfa di lei più vaga o più gentile?
Ah no, ch’altra simile
À lei darsi non puote,
Se tutto il vago e il bello,
Che si mira in altrui sparso e diviso,
Tutto raccolse Amor nel suo bel viso.

Il candore tolse al giglio,
Alla rosa il bel vermiglio,
Quando Amore la formò.
Al suo petto diè il candore,
Della rosa il bel cinabro
Diede al labro
E alle sue pupille ardenti
Tutti i rai del sol donò.

Ma la beltà del volto
Non è il preggio maggior, che in lei si celi,
Se nel suo nobil core
Tutto lo stuol delle virtudi è accolto,
E con tal lume in seno
Tanti sparge d’intorno
Raggi dal viso adorno,
Ch’abbagliato riman, chi la rimira;
Come rimaner suole,
Chi le pupille sue fissa nel sole.

Per formar sì vaga e bella
Pastorella
Con Virtude Amor s'unì.
Tutto il bel, che appar di fuore,
Dielle Amore
E Virtù l’alma abbellì.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneD-MÜs - Münster - Santini-Bibliothek (in D-MUp)
Sant.Hs.1899(2)

   Scheda a cura di Berthold Over