Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 1968

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1690-1700
CompositoreMancini, Francesco (1672–1737)
PossessoreOttoboni, Pietro (1667-1740)
CopistaCafaro, Filippo
TitoloScritto da me Filippo Cafaro per l'Em.o Sig.r Card. Ottoboni Cantata a Voce sola del Mancini
PresentazionePartitura
PubblicazioneNapoli : copia di Filippo Cafaro, (1690-1700)
Descrizione fisica1 partitura. Filigrana: non rilevata.
Note generaliCafaro è stato copista al Conservatorio della Pietà dei Turchini di Napoli come risulta da una nota alla fine del manoscritto: "Filippo Cafaro scrive / nella Pietà". Simili note si trovano nel manoscritto GB-Cfm, MU.MS.230. Il manoscritto proviene dalla biblioteca musicale del Cardinale Pietro Ottoboni.
Titolo uniformeSon così, così geloso. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliografici
BibliografiaRoberts.
Descrizione analitica1.1: A tempo (Aria, do minore, c)
Son così, così geloso
2.1: (Recitativo, c)
Temo, l'istesso amore
3.1: (Aria, sol minore, c/)
Rode il core, sempre affanna
4.1: (Recitativo, c)
Bella, se tu riposi
5.1: (Aria, do minore, c 3/8)
Ciò, che contenta
Fa parte diCantate e Duetti (scheda n. 1403)
Trascrizione del testo poeticoSon così, così geloso,
Che per guardia al mio tesor
Anch'il cor parmi infedel.
Temo ogni or, che non s'avanza
Quel rival di mia speranza,
L'ombra, il lume e l'aura e'l ciel.

Temo, l'istesso amore,
Che sdegnandomi sol troppo felice,
Per sembianze sì vaghe
Ferischi altrui colle mie proprie piaghe.
E se tal'or mi sembra
Col giusto mio pensier spronar l'impulso,
Ch'ho dentro il petto ascoso,
L'istessa gelosia mi fà geloso.

Rode il core, sempre affanna
La tiranna e fà laguir.
Col veleno gela il seno
E'l piacer cangia in martir
E la furia de' diletti,
L'alimento de' sospetti,
Ella accende ogni sospir.

Bella, se tu riposi,
Parmi, ch'il sogno à ?
Dipinghi altro amator,
Che tua pietade implora.
Se tu spieghi tal'hora
Con linguaggio fedel, ch'ardi per me,
Mi sembra inganno
E pur'è chiara fè.
Ogni rio che susurra,
Ogni vento, che fugge,
Ogni sol, che risplende,
Par, che con me gareggia e mi contende.
Se un fior tu vezzeggi,
Temo labro quel fiore
De' labri tuoi vivaci,
Ch'il labro è mio ed ei n'invola i baci.

Ciò, che contenta,
Poi mi tormenta
Con dubio timor.
Quel volto amabile
Et adorabile
Con guardi teneri
M'annoda l'anima,
Ma la dissanima
Freddo rigor.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneGB-Mp - Manchester - Central Library, Henry Watson Music Library
Ms. Q544 Bk51(10)

   Scheda a cura di Berthold Over