Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 1934

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1710-1740
CompositoreMancini, Francesco (1672–1737)
TitoloCantata à Voce Sola / Del Sig.r Fra.co Mancini
PresentazionePartitura
Pubblicazione[S.l. : copia, 1710-1740]
Descrizione fisicaC. 51r-58v. Filigrana: non rilevata.
Titolo uniformeNon credete ch'io v'ami. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiSBN: IT\ICCU\MSM\0081941
Wright-Mancini: p. 373
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c)
S: Non credete ch'io v'ami
2.1: Grave (Aria, do maggiore, 3/8)
S: V'amo tanto pupilla mia bella
3.1: (Recitativo, c)
S: Ardo, peno, sospriro
4.1: All.o (Aria, la minore, c)
S: Ah rie tiranne d'un misero cor
4.2: All.o (Aria, la minore, c)
S: Ah, ch'estinto già mai non sarà
Fa parte diCantate (scheda n. 1559)
Trascrizione del testo poeticoNon credete ch'io v'ami, o Luci belle!
Ah ch'in dir, che v'adoro,
Che v'amo al par de Numi,
Ch'ogn'or penando moro,
E che vivo ho per voi nel petto il foco,
Par, che dica d'amarvi, e dico poco.

V'amo tanto pupilla mia bella,
Ch'il mio core più amarvi non può.
E in amarvi vezzosa mia stella
L'amor mio spiegarvi non so.

Ardo, peno, sospriro,
mi struggo, mi consumo e ogni momento,
Languendo moro e il mio morir non sento.
E voi pupille ingrate,
Che un solo sguardo a me non rivolgete
L'ardor, ch'in me destate
S'io scoprirvi non so non l'intendete?

Ah rie tiranne d'un misero cor,
Ah crude stelle di rigido amor,
M'intenderete quando vedrete
Con la vita anche estinto l'ardor.

Ah, ch'estinto già mai non sarà.
Ah, ch'eterno il mio amor viverà,
Perché ostinate, benché gelate
V'ameran le mie ceneri ancor.
 Document image 
Risorse di rete Internet Culturale
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Nc - Napoli - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "San Pietro a Majella"
Cantate 41(7)

   Scheda a cura di Marina Lucia