Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 1759

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1689-1690
CompositoreScarlatti, Alessandro (1660-1725)
PossessorePamphilj, Benedetto (1653-1730; cardinale)
TitoloCantata a solo con Strumenti / Del Sig. Aless.o Scarlatti
PresentazionePartitura
PubblicazioneRoma : copia, (1689-1690)
Descrizione fisicaC. 19-44v. Filigrana: non rilevata.
Titolo uniformeNella stagione appunto. Cantata, 1V,3str., S,2vl,bc
Repertori bibliograficiHanley: p. 336, n. 458
RISM A II: 451004062
BibliografiaMercantini.
Descrizione analitica1.1: (Sinfonia, re minore, c)

1.2: Allegro (Sinfonia, re minore, c)

2.1: (Recitativo, re minore, c)
Nella stagione appunto
3.1: Allegro assai (Aria, re minore, c)
S'io miro il tuo bel seno
3.2: (Allegro assai) (Aria, re minore, c)
Se poi rifletto à gli occhi
4.1: (Recitativo, c)
Anzi negli occhi stessi
5.1: A tempo (Aria, la minore, 3/8)
Mà perdona l'ingiuste querele
5.2: (Recitativo, c)
Talor veggio il tuo crine
5.3: (A tempo) (Aria, la minore, 3/8)
Quando cadde l'incauto Fetonte
6.1: (Recitativo, c)
Talor ti veggio intenta
7.1: Largo (Aria, sol minore, c 3/8)
Bella mano, che di latte
7.2: (Largo) (Aria, sol minore, c 3/8)
Bella mano, dove ignoto
8.1: (Recitativo, c)
Pur mi rende stupore
9.1: Spiritoso (Aria, re minore, c)
Tiranna, se hai vanto
9.2: (Recitativo, c)
È strana al fin la veste
9.3: (Spiritoso) (Aria, re minore, c)
Crudele, se al canto
Fa parte diCantate da camera (scheda n. 1755)
Trascrizione del testo poeticoNella stagione appunto,
Che il Pianeta maggiore
Calca con piè di luce i segni ardenti,
Eurillo tormentato
Dagli strali d’amore,
Da la forza del fato
Espressa le sue pene in questi accenti:
Clori, che stravaganza
Pose di segni opposti
Il Ciel nella tua salma,
Ond’è che la speranza
Mi nutrisce talora, indi risorge
Tema perversa à in torbidar la calma.

S’il miro il tuo bel seno,
Consolo i miei cordogli
È spero, spero sempre;
Poiche nella durezza
Di due candidi scogli
Prometti di fermezza
Eserne tempre.

Se poi rifletto agl’occhi,
Ritorno al pianto mio,
Ne spero, spero mai.
In lor ceruleo nacque
L’ardor del cieco Dio
E della fè dell’acque
Io temo assai.

Anzi negl’occhi stessi
Stravaganza maggiore osservo, o cara,
Se del mio core à gioco
Fanno strali di mar, piaghe di foco.

Mà, perdona l’ingiuste querele,
Che quest’alma non sa che bramare,
Se nel duolo talor si confonde.
E ragione, mia bella crudele,
Che se Venere nacque dal mare,
Porti agl’occhi l’effigie dell’onde.

Talor veggio il tuo crine
E dico poi, che nel cielo arrossita
Tacerà Berenice i vanti suoi.

Quando cadde l’incauto Fetonte,
La tua Parca per opre di stelle
Del bel crin gli recise la mole.
Dunque è forza, mio bene, ch’in fronte
Porti i lacci di chiome si belle,
Se son chiome del figlio del sole.

Talor ti veggio intenta
D'istrumento canoro
À flagellar su l’armonia le corde.
E contemplo la mano,
Che ingelosir procura
Della più vaga Aurora i casti albori.
Ivi ancor parmi strano,
Che la neve resista a tanti ardori.

Bella mano, che di latte
Già spogliasti al Ciel la via,
Fogli son tue nevi intatte,
Ove amor per più tormento
À caratteri d’argento
Registrò la morte mia.

Bella mano, dove ignoto
Cieco nume elesse il nido,
Muove un alma ogni tuo moto
E in te scorge questo core
Con più cifre di candore
Gl’obelischi di Cupido.

Pur mi rende stupore
Veder ne la tua bocca
Schiere di perle a due coralli in braccio
E il nume ancora inganna,
Se ti chiaman pietosa e sei e sei tiranna.

Tiranna, se hai vanto
D’angelico nome,
Dimmi, come condanni nel pianto,
Dimmi, come con barbari lumi
Nell’inferno d’amor l’alme consumi.

È strana al fin la veste,
Che tua beltade ingombra,
Se si vede la luce in seno all’ombra

Crudele, se al canto
Sei figlia di Giove,
Dimmi, dove rubasti quel manto,
Dimmi, dove risplender mai suole
Col manto della notte al mondo il sole.
 Document image 
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneD-MÜs - Münster - Santini-Bibliothek (in D-MUp)
Sant.Hs.855(4)

   Scheda a cura di Berthold Over