Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 1408

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1750-1800
CompositoreScarlatti, Alessandro (1660-1725)
TitoloCantata à voce sola
PresentazionePartitura
Pubblicazione[S.l. : , 1750-1800
Descrizione fisicaC. 7r-10v. Filigrana: non rilevata.
Note generaliIl tit. si ricava dall'intitolazione a c. 7r
Titolo uniformeO pace del mio cor dove t'aggiri. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliografici
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c)
S: O pace del mio cor dove t'aggire
2.1: Lento (Aria, si bem. maggiore, c)
S: Spunta l'alba e nasce il sole
3.1: (Recitativo, c)
S: Porta il piede vagante il mio desiro
4.1: (Aria, sol minore, 12/8)
La pace del mio core
Fa parte diCantate (scheda n. 838)
Trascrizione del testo poeticoO pace del mio cor dove t'aggiri.
L'alma priva di te languendo ognora
È forz'alfin che mora
Agitata dal duol d'aspri martiri.

Spunta l'alba e nasce il sole
E gli chiedo dove sia
Il riposo del mio sen.
Sorgon l'ombre e in lor si duole
L'alma mia che non trova il suo seren.

Porta il piede vagante il mio desire
Nel sen d'ingrato a rintracciar tra fiori
Il riposo bramato
Poi la guida de' boschi in fra gli orrori
Quindi sul monte e poi già lasso al piano
Ma non sa ravvisar acerbo fato
Un'idea di riposo almen lontano
E scorgo alfin dai colpi del tormento
Che fatiga e sudor io spargo al vento.

La pace del mio core
Se ritrovar non so
Dove la cercherò
Chi mi sa dir dov'è.
Chiedo se l'han le stelle
Se l'alba il sole o il fiore
Se il bosco il monte o il piano
Mi dicon questi e quelle
Va pur da noi lontano
Che pace qui non è.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Mc - Milano - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "Giuseppe Verdi"
Fondo Noseda - I.181.2

   Scheda a cura di Raffaele Deluca