Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 1289

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1690-1740
CompositoreCosta, Giovanni Antonio
TitoloDel S.r Costa
PresentazioneNon applicabile
Pubblicazione[Roma : copia, 1690-1740]
Descrizione fisica5 c. ; 215x285 mm. Filigrana: non rilevata.
Note generaliFascicolo sciolto; numerazione delle pagine moderna (36-43); tit. dall'intitolazione a p. 36; a c. 1r fine della cantata Qualora il plettro risonar mi piace (v. scheda 1288); a c. 5v incipit di Oh Tirsi disleale (v. scheda 1290); la cantata è stata copiata per Benedetto Pamphilj nel 1699 (v. Bibliografia)
Titolo uniformeCerco invan fra tanti fiori. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliografici
BibliografiaMarx-Pamphilj: n. 86.
Descrizione analitica1.1: (Aria, si bem. maggiore, c)
S: Cerco invan tra tanti fiori
%C-1$bBE@c =2/8-'B''DC'F{''.C6F}E/8DC{'.B6''C}D{8.C6'B}A{8.A6G}F/
2.1: (Recitativo, c)
S: Cedete omai i vaghi figli d’aprile
3.1: (Aria, la minore, 3/8)
È tanto bello
4.1: (Recitativo, c)
S: Ma folle è che m’affanno
5.1: (Aria, si bem. maggiore, [12/8])
S: Sarebbe più bella
Fa parte diMusica Diversa Autori (scheda n. 1274)
Trascrizione del testo poeticoCerco invan tra tanti fiori
Quel bel fior che piace a me;
Così tinta di rosso vi par
Che sia la vaga rosa
Ma sul gambo vergognosa
Va dicendo che non è.

Cedete omai i vaghi figli d’aprile
Al più bel fior che generasse amore,
Che se mirar volete
L’imago solo un così vago fiore
Miratela in voi stessi
E dite poi quanto è più bel l’original di noi.

È tanto bello
Mi piace tanto
Che tutto in pianto
Strugger mi fa;
E ancor più caro
Sarebbe al core
S’havesse amore
Non crudeltà.

Ma folle è che m’affanno
A far nota a le piante
Dell’idol mio la singolar bellezza
Se non v’è chi non l’ama e non l’apprezza,
Così pietà sentisse
E men bella poi fosse agl’occhi miei
Ch’habbia sul volto il sole
E poi serbi nel sen tanto rigore:
Quest’è la pena mia quest’è il dolore.

Sarebbe più bella
Che bella non è,
S’havesse nel core
Minor crudeltà.
A chi del suo amore
Gli mostra la fé,
Più vaga sarebbe
S’havesse pietà.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Mc - Milano - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "Giuseppe Verdi"
Fondo Noseda - E.60.1-9 (15)

   Scheda a cura di Giacomo Sciommeri