Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 1287

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1690-1740
CompositoreMancini, Francesco (1672–1737)
TitoloArdea Dorillo et era
PresentazioneNon applicabile
Pubblicazione[Roma : copia, 1690-1740]
Descrizione fisica4 c. ; 215x285 mm. Filigrana: non rilevata.
Note generaliFascicoli sciolti; numerazione delle pagine moderna (24-29); tit. dall'intitolazione a p. 24; a c. 1v conclusione di Lo so ben io perché non m'ami (v. scheda 1286); a c. 4v è presente l'incipit della cantata Qualora il plettro risonar mi piace (v. scheda 1288); per l'attribuzione a Mancini v. Repertori bibliografici; sopra l'incipit è scritto da mano moderna a matita "Mancini Francesco (segnalata da Josephine Wright)"
Titolo uniformeArdea Dorillo et era. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiWright-Mancini: n. 20
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c)
S: Ardea Dorillo et era
%C-1$xFC@c 8-''DF{D6C'B}8xAA-''C/'xAA-AAAA{6xGF}/8BB-6BB''4E8.E6D/
2.1: Largo (Aria, si minore, c)
S: Care labra che ferite
3.1: Largo (Arioso, c)
S: Ahi, me nol posso dire no, no, no.
4.1: (Aria, si minore, 3/8)
S: Cara bocca quando canti
5.1: (Recitativo, c)
S: Rise Filli vezzoso
6.1: Largo (Aria cavata, c)
S: Io non lo posso dire no, no, no
Fa parte diMusica Diversa Autori (scheda n. 1274)
Trascrizione del testo poeticoArdea Dorillo et era
Se non gradito almeno non sprezzato
Da Filli il suo foco
Sentiva a poco a poco
Nell’agitato sen crescer la fiama,
E diventar sì fiera
Ch’al fin per non morire
Senza chieder pietade
Alle labra adorate
Del bel idolo suo ch’il fea languire
Con aure armoniose e fiori e piante
Chiede un bacio così Dorillo amante:

Care labra che ferite
Con soavi e dolci ardori,
Se gradite ch’io v’adori
Deh, lasciate ch’io vi dia
Con estremo mio gioire.

Ahi, me nol posso dire no, no, no.

Cara bocca quando canti,
Cara bocca quando ridi,
Con il riso tu m’incanti,
Con il canto tu m’uccidi.

Rise Filli vezzoso
Del mio desto Dorillo ai grati accenti,
Se poi de’ suoi tormenti
Ella fosse pietosa
E mai desse mercede il suo languire.

Io non lo posso dire no, no, no.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Mc - Milano - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "Giuseppe Verdi"
Fondo Noseda - E.60.1-9 (13)

   Scheda a cura di Giacomo Sciommeri