Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 1285

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1690-1740
CompositoreBononcini, Giovanni (1670-1747)
TitoloDel S.r Gio Bononcini
PresentazioneNon applicabile
Pubblicazione[Roma : copia, 1690-1740]
Descrizione fisica4 c. ; 215x285 mm. Filigrana: non rilevata.
Note generaliFascicolo sciolto; numerazione delle pagine moderna (12-18); tit. dall'intitolazione a p. 12; a c. 1r conclusione di Ove gran monte inalza (v. scheda 1284)
Titolo uniformeArde il mio petto amante. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliografici
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo-arioso, c)
S: Arde il mio petto amante
%C-1$bB@c 4-''2D4D/-8DD'4B8BG/''4bEE8-GGbE/
2.1: (Aria, si bem. maggiore, c)
S: Mi ferite e siete belle
3.1: (Recitativo, c)
S: Quanto degl’astri è più lucente il sole
4.1: Adagio (Aria, do minore, c)
S: Di quel ciglio ch’il petto m’accende
5.1: (Recitativo, c)
S: Lumi, leggiadri lumi
6.1: (Aria, do minore, 3/8)
S: Se splendete ogn’or serene
Fa parte diMusica Diversa Autori (scheda n. 1274)
Trascrizione del testo poeticoArde il mio petto amante
E nasce il foco onde n’avvampa ogn’ora
Dagl’occhi d’un sembiante
Di cui più bello non si vidde ancora,
In fiamme così belle
Tutto lieto il mio core
Benché cinto di piaghe arde d’amore.
E qua giù non si danno
Che possino avventare e faci e dardi,
Luci più care e più vezzosi sguardi.

Mi ferite e siete belle
Adorate pupillette
Che dagl’archi di due stelle
Sono dolci le saette.

Quanto degl’astri è più lucente il sole
Quanto di tutti i fiori
Leggiadri più sorge la rosa tanto
Con luminoso vanto
Più vaga d’ogni ninfa è la mia Clori,
Ma tra le glorie sue
Conviene a chi le mira il dir che tocchi
Più del altre bellezze il vanto gl’occhi.

Di quel ciglio ch’il petto m’accende
Un sol guardo può fare ch’io mora
E la grazia ch’in essa risplende
L’alma incanta e di cori innamora.

Lumi, leggiadri lumi
Deh, non turbate mai
Con l’eclissi di sdegno i vostri rai
Che viver non potria
Senza il vostro splendor l’anima mia.

Se splendete ogn’or serene
È contenta la mia fé.
Per dar pace alle mie pene
Io non bramo altra mercé.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Mc - Milano - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "Giuseppe Verdi"
Fondo Noseda - E.60.1-9 (11)

   Scheda a cura di Giacomo Sciommeri