Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 1284

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1690-1740
TitoloOve gran monte inalza
PresentazioneNon applicabile
Pubblicazione[Roma : copia, 1690-1740]
Descrizione fisica4 c. ; 215x285 mm. Filigrana: non rilevata.
Note generaliFascicolo sciolto; numerazione delle pagine moderna (5-11); tit. dall'intitolazione a p. 5; a c. 4v incipit della cantata Arde il mio petto amante (v. scheda 1285)
Titolo uniformeOve gran monte inalza. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiSBN: IT\ICCU\MSM\0142742
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c)
S: Ove gran monte inalza
%C-1$xFCG@c 4'-2E4E/8-EGE4BB/8-6BB8B6BB8FF
2.1: Largo (Aria, mi maggiore, 3/4)
S: Chiari rivi, ombrose piante
3.1: (Recitativo, c)
S: Ma se pietà negate al mio dolore
4.1: (Aria, fa diesis minore, c)
S: Venticelli che lieti volate
5.1: (Recitativo, c)
S: Ma se le pene mie non son gradite
6.1: (Aria, la maggiore, c)
S: Zeffiretti lascivetti
7.1: (Recitativo, c)
E se all’idol ch’adoro
8.1: (Aria cavata, 3/2)
S: Dategli per un bacio e poi tornate
Fa parte diMusica Diversa Autori (scheda n. 1274)
Trascrizione del testo poeticoOve gran monte inalza
La frondosa di quercie inspida schiena
Da cavernosa vena
Per quegl’erti dirupi Onda gelata
A precipizio sbalza
Quivi la bella Clori
Verso l’ingrato Eurillo
Palesava in tal guisa i propri amori.

Chiari rivi, ombrose piante
Il mio duol ridite un dì.
Che quest’anima penante
Viver più non può così.
Se d’Eurillo bel sembiante
Nel mio core amor scolpì
Con un strale di diamante
Onde l’alma ne languì.

Ma se pietà negate al mio dolore
Vi secchi il gel, v’inaridisca il sole.

Venticelli che lieti volate
Sempr’intorno ai fiori adorati.
Ad Eurillo crudele narrate
Del mio core gl’affanni penosi.

Ma se le pene mie non son gradite
Ditegli per te more
La disperata Clori
E poi e poi partite.

Zeffiretti lascivetti
Ch’alle rose rugiadose
Del matin [sic] sui vaghi albori
I sudori rasciugate
Ebri d’amor i sudori
del mio cor il dolor crudo
E le pene al mio bene
Per ridir volate horor.

E se all’idol ch’adoro
Se a quel ben per cui moro
Vedrete le mie pene essergli grate,

Dategli per me un bacio e poi tornate.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Mc - Milano - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "Giuseppe Verdi"
Fondo Noseda - E.60.1-9 (10)

   Scheda a cura di Giacomo Sciommeri