Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 1259

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1705-1715
TitoloCantata N.o I
PresentazionePartitura
PubblicazioneVenezia : copia del copista veneziano Antonio Passarini, (1705-1715)
Descrizione fisica1 partitura. Filigrana: Tre mezzelune.
Note generaliIl manoscritto proviene dalla collezione musicale dell'elettrice Therese Kunigunde di Baviera (nota "T.C." = Thérèse Cunégonde o altro sulla prima pagina musicale), esiliata a Venezia dal 1705 al 1715.
Titolo uniformeLe mie disaventure. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliografici
BibliografiaOver.
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, sol minore, c)
Le mie disavventure
2.1: Allegro (Aria, si bem. maggiore, c)
Quel pargoletto amor
3.1: (Recitativo, re maggiore, c)
Io troppo incauto fui et hora in pena
4.1: (Aria, do minore, 12/8)
E pur l'alma desia
5.1: (Recitativo, si bem. maggiore, c)
A sì barbari estremi
6.1: Allegro (Aria, sol minore, c)
Quella beltà, che adoro
Fa parte diCantate da camera a voce sola (scheda n. 1258)
Trascrizione del testo poeticoLe mie disavventure
Voi, che ascoltate il suon de miei lamenti,
Per pietà soccorrete.
Oh sventurati eventi,
L'atrocissime pene,
I sanguigni torrenti,
Ch'han le sorgenti loro in questo seno,
L'influenze crudeli
Del mio fato maligno
Fariano lagrimar anch'un macigno.

Quel pargoletto Amor
Fugatelo dal cor
Nel primo istante.
Col formidabil arco
Sempre v'attende al varco
E sono l'armi sue
Un bel sembiante.

Io troppo incauto fui et hora in pena
Del forsennato Amore
Salamandra d'amore
M'alimento di fiamme intorno al foco
Delle stelle e d'amor ludibrio e gioco.

E pur l'alma desia
Tornar a dir a Nice:
Tu sei l'anima mia e poi morire.
Ma se a quel cor tiranno
Io narro il crudo affanno,
Mostrandosi più ria
Gode nel mio martire.

A sì barbari estremi
Mi condusse il destino e in vano aita
Chiedo a numi supremi,
Ch'han decretato eterno il mio languire.
E pur l'alma desia
Tornare a dir a Nice:
Tu sei l'anima mia e poi morire.

Quella beltà, che adoro,
Gode nel mio martoro ogni momento.
E pur, benche crudel,
Spergiura et infedel
D'amarla io non mi pento.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneD-Mbs - Muenchen - Bayerische Staatsbibliothek
Mus.ms.3189 (1)

   Scheda a cura di Berthold Over