Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 12

Livello bibliograficoMonografia
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1700-1710
CompositoreScarlatti, Alessandro (1660-1725)
TitoloCantata di lontananza / Del Sig.r Aless.ro Scarlatti
PresentazionePartitura
Pubblicazione[Napoli : copia, 1700-1710]
Descrizione fisica1 partitura (6 c.) ; 208x273 mm. Filigrana: Animaletto inscritto in un cerchio.
Note generaliTit. dall'intitolazione a c. 1r; a c. 1r margine sup. sinistro, mano posteriore, a matita: (1644); ultima p. vuota
Titolo uniformeTu parti idolo amato. Cantata, 1V,1str, S,bc, Cantata di lontananza
Repertori bibliograficiDe Guarinoni: 8796
Hanley: 739
Bibliografia
Descrizione analitica1.1: (Recitativo, c)
S: Tu parti idolo amato
%C-1@c 4-''E8CCC6DE/8DD-G4CC/8-CEC'AA-
2.1: (Aria, sol minore, 3/8)
Idol mio
3.1: (Recitativo, c)
Lontananza crudele
4.1: (Aria, fa maggiore, c)
Stà in lontananza
Trascrizione del testo poeticoTu parti idolo amato
Io resto e i miei tormenti
Non conosci, non credi, o pur non senti
D'un prospero viaggio
L'annunzio il cor t'invia,
Vanne il Ciel t'accompagni anima mia.

Idol mio gran pena è questa
Di vederti allontanar.
Il dolore è di chi resta,
E chi parte pena poco
Perché trova in ogni loco
Chi diverte il suo penar.

Lontananza crudele
Sei tormento dell'alma
Perché porti il mio ben sott'altro cielo
Ma se fede mi serba
Come sperar degg'io;
Sei cruda sì, ma non sei tanto acerba.

Sta in lontananza il piè,
Non è lontano il cor
S'è pur fedele a me la mia tiranna.
Per non vederla all'or
Si lagna la mia fè;
Se piange, che non v'è non la condanna.
 Document image 
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Mc - Milano - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "Giuseppe Verdi"
Fondo Noseda - L.22.21

   Scheda a cura di Raffaele Deluca e Gabriele Gamba