Logo Clori Logo Clori Logo SIdM

Scheda numero 1009

Livello bibliograficoSpoglio
Tipo documentoMusica manoscritta
DataData incerta, 1710-1740
CompositoreScarlatti, Alessandro (1660-1725)
PossessoreSigismondo, Giuseppe (1739-1826)
TitoloCantata a Voce Sola di Soprano / del Sig.re Scarlatti
PresentazionePartitura
Pubblicazione[Napoli : copia, 1710-1740]
Descrizione fisica1 partitura (c. 75r-79v). Filigrana: non rilevata.
Note generaliLa cantata apparteneva alla collezione di Giuseppe Sigismondo, acquisita dalla biblioteca alla sua morte.
Titolo uniformeNon è facile ad un core. Cantata, 1V,1str, S,bc
Repertori bibliograficiSBN: IT\ICCU\MSM\0081491
URFM
Hanley: 470
RISM A II: 850019216
BibliografiaCafiero-Sigismondo: cantata compresa nel manoscritto identificato con il n. 496.
Descrizione analitica1.1: Largo assai (Aria, re minore, c; S,bc)
S: Non è facile ad un core
%C-1@c =2/4-'8A''D8.xC'6B''4xC/2-4-'8A''D/8.xC6C8DDE' A8.bB6B/
2.1: (Recitativo, c; S,bc)
Mille volte tentai
3.1: (Recitativo, c; S,bc)
Ahi che pur troppo
4.1: Tempo giusto (Aria, re minore, c; S,bc)
Tra i lacci men vivo
Fa parte diCantate (scheda n. 952)
Trascrizione del testo poeticoNon è facile ad un core
Di tornare in libertà
E ben facile ad un core
Dar catene a chi non l’ha.

Mille volte tentai
Scioglierle mie ritorte
Né fu possibil mai
Sarà sino alla morte
E qualor franger voglio
I lacci miei tenaci
Con disprezzant’orgoglio
Le sue luci omicide rivolge
A me la mia tiranna e rider
Poi con scherno maggiore
Replicandomi van non è facile
Non è facile ad un core
Di tornare in libertà.

Ah che purtroppo è vero
Che da i nodi d’un crine
Quando d’unanim è cinta
Più cerca libertà
Più resta avvinta.

Tra i lacci men vivo
Di pace son vivo
Né pace godrò
Che duolo che pena
Morire in catena
Ancora dovrò.
 Document image 
Risorse di rete Immagini su Internet Culturale
PaeseItalia
LinguaItaliano
LocalizzazioneI-Nc - Napoli - Biblioteca del Conservatorio Statale di Musica "San Pietro a Majella"
34.5.4 (= Cantate 255)(14)

   Scheda a cura di Antonio Caroccia